Bollo auto 2019: esenzione Regione Campania, ecco le riduzioni

Pubblicato il 26 Novembre 2019 alle 09:08
Aggiornato il: 27 Novembre 2019 alle 11:32
Autore: Daniele Sforza
Bollo auto 2019 esenzioni regione Campania
Bollo auto 2019: esenzione Regione Campania, ecco le riduzioni

Abbiamo spesso parlato delle esenzioni e degli sconti in materia di bollo auto, elencando i casi in cui è possibile pagare di meno una delle imposte più odiate dai contribuenti italiani, perché gravante su un bene di proprietà necessario come può essere l’automobile, per l’appunto. In attesa che si abbiano novità più concrete sui possibili cambiamenti che il bollo auto potrebbe subire, magari allineandosi alla normativa unica europea, andiamo a vedere quali sono i casi di esenzione previsti nella Regione Campania che possono comportare agevolazioni ed esenzioni dal pagamento della tassa.

Bollo auto: esenzione veicoli ultratrentennali

Le principali agevolazioni relative al bollo auto riguardano l’età dei veicoli, in particolari i veicoli storici. Se siamo proprietari di auto o moto ultratrentennali (dimostrabile guardando il primo anno di immatricolazione) che non siano usati a scopi professionali, allora non bisognerà pagare il bollo auto. Permane invece una tassa di circolazione forfettaria qualora questi veicoli siano utilizzati per uso privato di frequente su strade e zone pubbliche: l’imposta ammonta a 31,24 euro per i veicoli e 12,50 euro per le moto.

Veicoli di interesse storico: le agevolazioni

I veicoli di cui abbiamo parlato sopra non sono da confondere con quelli che vantano un interesse storico/collezionistico, alla luce dell’ultima Legge di Bilancio che ha stabilito che sui veicoli e motoveicoli che hanno tra 20 e 29 anni di età e siano in possesso del certificato di rilevanza storica (deve essere riportato sulla carta di circolazione) si debba pagare solo il 50% dell’imposta.

Prescrizione bollo fino al 2016 in arrivo: la scadenza

Bollo auto Campania: esenzione invalidi

Ci sono poi le esenzioni riservate ai soggetti portatori di handicap o invalidi, che valgono a livello nazionale. L’esenzione si applica sulle autovetture (anche usate per trasporto promiscuo e trasporti specifici), sulle motocarrozzette, nonché sui motoveicoli (anche per trasporto promiscuo e per trasporti specifici). Per quanto riguarda i veicoli alimentati a benzina la cilindrata deve essere fino a 2000 cc, mentre per i diesel la cilindrata può arrivare fino a 2800 cc.

Per la domanda di esenzione, esplicitando la targa del veicolo esente, bisognerà inviare la richiesta al seguente indirizzo: Regione Campania – Direzione Generale per le Risorse Finanziarie – U.O.D. Tasse Automobilistiche Regionali – Centro Direzionale Isola C5 – 80143 Napoli.

Veicoli elettrici e ibridi: sconti e agevolazioni per regione

Bollo auto GPL e metano: agevolazioni e sconti

In conclusione, ci sono le agevolazioni che riguardano i veicoli puliti ed ecologici. Infatti, sia gli autoveicoli sia i motocicli (e così i ciclomotori) ad alimentazione elettrica godono dell’esenzione dal pagamento del bollo per il primo quinquennio. A partire dal sesto anno, si dovrà pagare il 25% dell’imposta tradizionale per i veicoli alimentati a benzina.

Anche per quanto riguarda le auto alimentate a GPL o a gas metano, infine, bisognerà pagare il 25% dell’importo che spetterebbe per i veicoli alimentati a benzina.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →