Donald Trump impeachment: una cronistoria (da luglio a settembre 2019)

Pubblicato il 16 Dicembre 2019 alle 13:10
Aggiornato il: 3 Gennaio 2020 alle 18:40
Autore: Redazione

Si analizza la procedura di impeachment attualmente in corso nei confronti del Presidente Trump: ecco una articolata e sicuramente interessante cronistoria

Donald Trump impeachment una cronistoria (da luglio a settembre 2019)

Donald Trump impeachment: una cronistoria (da luglio a settembre 2019)

Articolo di Luca Maragna de “l’Osservatore Repubblicano”

Dopo aver illustrato i legami tra i Biden e l’Ucraina e la situazione politica dell’Ucraina pre-elezioni 2016, che portò il paese ex-sovietico ad interferire nelle elezioni del 2016 aiutando il candidato democratico, si può passare ad analizzare la procedura di impeachment attualmente in corso nei confronti del Presidente Trump.

La conoscenza di quanto avvenuto in Ucraina è propedeutico per capire in modo più approfondito quanto sta avvenendo, pertanto consiglio la lettura degli articoli precedenti. Qui, l’ultimo testo, sulle possibili interferenze nelle elezioni presidenziali del 2016.

Come partì la procedura d’impeachment

La procedura di impeachment è partita perché i democratici credono che il Presidente abbia abusato del suo potere, nella forma di trattenere gli aiuti militari all’Ucraina, per costringere questa nazione ad intraprendere un’indagine nei confronti dell’ex-vicepresidente e avversario alle presidenziali 2020, Joe Biden e di suo figlio, per avere in ultima istanza un vantaggio alle prossime elezioni presidenziali

Tutto è iniziato il 25 luglio 2019 con la telefonata tra Trump e il presidente ucraino Zelensky e con la successiva denuncia ad agosto da parte del whistleblower.

Di seguito l’ordine cronologico degli eventi:

25 luglio 2019 – Trump e Zelensky hanno avuto una conversazione telefonica di circa mezzora, mentre alti funzionari come il segretario di Stato Mike Pompeo hanno ascoltato

Trump ha chiesto un “favore“ a Zelensky, cioè che l’Ucraina aiutasse gli USA a indagare sulle interferenze straniere nelle elezioni del 2016, incluso l’hacking del Server del Democratic National Committee (DNC) che coinvolge la società di sicurezza di dati CrowdStrike.

Trump ha sollevato la sua richiesta di indagare sulle interferenze nelle elezioni 2016 dopo che Zelensky aveva detto di essere pronto a comprare ulteriori sistemi anticarro, noti come Javelins, dagli Stati Uniti. Trump proseguendo ha anche parlato dell’”altra cosa”, specificando che circolano un sacco di voci sul figlio di Joe Biden e su come l’ex vicepresidente abbia stoppato delle indagini in Ucraina, suggerendo un’indagine su tale aspetto. Trump ha esortato Zelensky a parlare con Rudy Giuliani, il suo avvocato personale, e con il procuratore generale William Barr. Giuliani aveva trascorso mesi a sollecitare pubblicamente l’Ucraina a indagare sui Bidens, ma il Dipartimento di Giustizia aveva rapidamente chiarito che Barr non era associato allo sforzo.

Dal 25 luglio 2019 al 12 agosto 2019 – L’informatore (whistleblower) ha dichiarato di aver parlato con numerosi funzionari del governo degli Stati Uniti con conoscenza diretta o indiretta della conversazione telefonica. 

Il New York Times aveva riferito che il whistleblower è un funzionario della CIA che aveva parlato con un membro dello staff del comitato di intelligence della Camera pochi giorni prima che la denuncia fosse presentata ufficialmente.

L’informatore quindi si è incontrato con un membro dello staff di Adam Schiff, democratico e capo della Commissione Intelligence della Camera prima di presentare la denuncia. La domanda che sorge spontanea è: si stavano coordinando?

26 luglio 2019 – L’informatore aveva scritto che l’ inviato speciale USA, ora dimesso in Ucraina Kurt Volker si era recato a Kiev per incontrare Zelensky “e una varietà di personaggi politici ucraini” e che aveva dato consigli alla leadership ucraina su come procedere con le richieste del Presidente fatte a Zelensky. 

Messaggi di testo tra Volker, l’Ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Unione Europea Gordon Sondland e l’Incaricato d’affari USA in Ucraina William Taylor nelle settimane successive mostrerebbero che si vuole spingere l’Ucraina a indagare sulle questioni relative alle elezioni del 2016 e alla società Burisma dove il figlio di Biden era Consigliere d’amministrazione.

Cronistoria dell’impeachment a Trump: Agosto 2019

2 agosto 2019 – Il whistleblower ha dichiarato che “numerosi funzionari statunitensi” gli hanno raccontato di un viaggio del 2 agosto di Giuliani a Madrid per incontrare personalmente il consulente di Zelensky, Andriy Yermak, caratterizzando l’incontro come una conseguenza della telefonata tra Trump e Zelensky per discutere dei “casi” di cui avevano discusso al telefono. Giuliani contestò ciò, dicendo che l’incontro era già programmato prima di quella chiamata telefonica.

Giuliani aveva parlato con Yermak prima del 25 luglio e quella chiamata è menzionata da Zelensky a Trump. Giuliani afferma che Volker lo mise “in contatto diretto” con Yermak pochi giorni prima della chiamata di Trump-Zelensky e che Yermak indicò che l’Ucraina era aperta a proseguire queste indagini. L’informatore ha anche detto che Giuliani ha contattato anche altri funzionari ucraini.

Notare: il whistleblower non ha nessuna conoscenza diretta, ma solo informazioni di seconda mano o terza.

12 agosto 2019 – La denuncia del whistleblower, indirizzata al presidente del comitato di intelligence del Senato Richard Burr della Carolina del Nord e al presidente del comitato di intelligence della Camera Adam Schiff della California, è stata consegnata all’ufficio dell’ispettore generale della comunità di intelligence, guidato da Michael Atkinson. La denuncia sosteneva, tra le altre cose, che i funzionari statunitensi credevano che la trascrizione della chiamata di Trump-Zelensky fosse resa inaccesibile in un modo potenzialmente “abusivo”.

26 agosto 2019 – Atkinson ha inviato una lettera al direttore dell’intelligence nazionale Joseph Maguire, facendogli conoscere l’esistenza del reclamo, riassumendone le affermazioni, informando Maguire che Atkinson ha stabilito che l’informatore “sembra credibile” e che il reclamo è di “preoccupazione urgente” e raccomandando che le informazioni siano fornite ai comitati congressuali competenti.

Cronistoria dell’impeachment a Donald Trump: settembre 2019

2 settembre 2019 – Durante una conferenza stampa all’estero, al vicepresidente Mike Pence è stato chiesto della riunione che aveva avuto con Zelensky il giorno prima e, in primo luogo, se avesse discusso di Joe Biden e, in secondo luogo, se potrebbe assicurare all’Ucraina che la sospensione del denaro “non ha assolutamente nulla a che fare con gli sforzi, anche di Rudy Giuliani, per cercare di scavare negli affari della famiglia Biden“. Pence rispose che sulla prima domanda, la risposta è no. Ma poi Pence proseguì aggiungendo, “ma come ha chiarito il presidente Trump, nutriamo grandi preoccupazioni per le questioni di corruzione“.

3 settembre 2019 – Un gruppo di cinque senatori bipartisan ha scritto all’ufficio del direttore della gestione e del bilancio Mick Mulvaney per “esprimere le nostre profonde preoccupazioni” per un ritardo di circa 400 milioni di dollari in aiuti militari per l’Ucraina.

9 settembre 2019 – Atkinson ha scritto una lettera al capo democratico della Commissione d’Intelligence Schiff della Camera e al membro anziano, il repubblicano Devin Nunes della California informandoli dell’esistenza della denuncia del whistleblower e che il direttore dell’intelligence nazionale Joseph Maguire lo aveva informato che il reclamo non doveva essere consegnato al Congresso. Atkinson non era d’accordo, dicendo che mentre credeva che Maguire “agisse in buona fede“, non pensava che la decisione di Maguire fosse “coerente con la prassi“. Lo stesso giorno, tre commissioni a guida democratica hanno annunciato una “indagine ad ampio raggio” su Trump e Giuliani, che avrebbero fatto pressioni sull’Ucraina per aiutare il Presidente con le elezioni presidenziali del 2020.

10 settembre 2019 – il Capo della Commissione d’Intelligence della Camera, il democratico Adam Schiff ha scritto al direttore dell’intelligence nazionale Joseph Maguire di essere stato informato della denuncia del whistleblower e ha affermato che Maguire era “tenuto” a consegnarla immediatamente. Si noti che il whistleblower si era incontrato con un membro dello staff di Schiff, pertanto è difficile da credere che Schiff non fosse a conoscenza già da agosto. Tutta la procedura è stata portata avanti dall’Ispettore Generale Atkinson.

11 settembre 2019 – Il senatore repubblicano Rob Portman dell’Ohio ha dichiarato di aver parlato con Trump “per chiedergli di liberare i fondi di sicurezza per l’Ucraina” e Trump ha accettato di rilasciare i soldi quel giorno stesso.

13 settembre 2019 – il democratico Adam Schiff ha reso pubblica l’esistenza della denuncia degli informatori dopo che il direttore dell’intelligence nazionale Joseph Maguire lo aveva informato quel giorno che si rifiutava di fornirgli la denuncia. Schiff accusava Maguire di trattenere erroneamente le informazioni al Congresso ed emetteva una citazione a comparire alla Camera per costringere Maguire a consegnare la denuncia. Lo stesso giorno, Jason Klitenic, il consigliere generale dell’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale, scrisse una lettera a Atkinson informandolo che, dopo essersi consultato con il Dipartimento di Giustizia, Maguire aveva stabilito “che nessuno statuto richiede la divulgazione della denuncia” al Congresso perché le accuse nella denuncia non si riferivano al comportamento di un membro della Comunità di intelligence o a chiunque sia sotto la supervisione di Maguire.

17 settembre 2019 – l’Ispettore generale della comunità d’intelligence Atkinson ha scritto a Schiff e Nunes che lui e Maguire erano “in un vicolo ciecoa causa di “differenze irrisolte” e hanno informato i dirigenti del Congresso che era vincolato dalla determinazione presa da Maguire di non consegnare la denuncia, anche se “rispettosamente in disaccordo con esso“. Quello stesso giorno, Schiff è andato su MSNBC dove gli è stato chiesto se aveva sentito dall’informatore e ha dichiarato in modo falso che “non abbiamo parlato direttamente con l’informatore” anche se un membro dello staff del Comitato Intelligence aveva parlato con l’informatore a inizio agosto e aveva fatto sapere a Schiff almeno alcuni dettagli relativi alle accuse dell’informatore giorni prima della denuncia formale. Si noti che Schiff aveva dichiarato pubblicamente che non avevano mai incontrato (lui o lo staff) il whistleblower. Ciò è palesemente falso.

18 settembre 2019 – Schiff è stato informato che Maguire aveva accettato la sua offerta di testimoniare il 26 settembre 2019.

19 settembre 2019 – Schiff ha incontrato l’Ispettore Generale Atkinson a porte chiuse. Lo stesso giorno, il Washington Post ha affermato che la denuncia del whistleblower implicava comunicazioni con un leader straniero e una promessa fatta da Trump.

20 settembre 2019 – Il Wall Street Journal ha scritto che la denuncia degli informatori affermava che Trump aveva “ripetutamente esercitato pressioni sul presidente dell’Ucraina per indagare sul figlio di Joe Biden“. Biden ha dichiarato che “….. che le nostre istituzioni di governo sono state rese strumenti di una vendetta politica personale” e ha chiesto il rilascio della trascrizione della chiamata Trump-Zelensky. Trump ha difeso la chiamata come “totalmente appropriata“.

L’avvio dell’indagine ufficiale per impeachment contro Donald Trump

24 settembre 2019 – La portavoce della Camera democratica Nancy Pelosi ha annunciato che “la Camera dei rappresentanti sta procedendo con un’indagine ufficiale sull’impeachment“. Nancy Pelosi e i democratici decidono di far partire la procedura di impeachment il 24 settembre sulla base delle indiscrezioni uscite sui giornali.

25 settembre 2019 – Il promemoria della trascrizione della chiamata telefonica Trump-Zelensky è stato rilasciato dalla Casa Bianca. Dalla lettura della trascrizione non vi è nessuna minaccia di togliere gli aiuti militari in cambio dell’indagine sulla vicenda dei Biden.

26 settembre 2019 – La denuncia del whistleblower è stata declassificata e resa pubblica. Il Direttore ad interim dell’Intelligence nazionale, Maguire ha anche testimoniato in un’udienza pubblica di fronte al Comitato di intelligence della Camera, dove ha affermato di credere che l’informatore avesse “agito in buona fede“. Durante l’udienza del 26 settembre del Direttore ad interim dell’Intelligence nazionale Joseph Maguire, il capo della Commissione Intelligence Adam Schiff ha in modo subdolo e disonesto letto una falsa trascrizione della telefonata tra Trump e il presidente ucraino Zelensky. Come ammesso dallo stesso Schiff, si tratta di una parodia, una ricostruzione del contenuto.

Tutto questo avveniva davanti alle telecamere e chi ha sentito poteva concludere solamente che Trump era colpevole.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →