Rimborso bollo auto 2020: a chi spetta e quando la Regione paga

Pubblicato il 7 Febbraio 2020 alle 17:20 Autore: Daniele Sforza

Come funziona il rimborso bollo auto 2020, a chi spetta e in quali casi può essere richiesto? Ecco tutte le condizioni in cui è consentito il rimborso.

Rimborso bollo auto 2020

Come e in quali casi è possibile ottenere il rimborso del bollo auto 2020?

Innanzitutto occorre presentare richiesta alla Regione di riferimento portando apposita documentazione (copia del bollo pagato e del libretto di circolazione). Se si sono rispettate alcune condizioni, si avrà diritto al rimborso della tassa: in particolare, quando si paga il bollo auto due volte o si versa un importo eccedente, oppure ancora in caso di furto.

Ricordiamo che il bollo auto va pagato ogni anno, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza dell’imposta, e si prescrive in 3 anni. Ciò significa che se il bollo auto 2019 non è stato pagato, la prescrizione è iniziata lo scorso 1° gennaio 2020, e se entro il 31 dicembre 2022 non è stata ricevuta nessuna notifica o cartella di pagamento, allora l’imposta è prescritta.

I tempi di richiesta di rimborso del bollo auto sono ugualmente 3 anni, che scadono il 31 dicembre del terzo anno seguente a quello di scadenza della tassa.

Noleggio a lungo termine: “aumento burocrazia e costi”

Bollo auto 2020: quando spetta il rimborso

Come abbiamo scritto all’inizio di questo articolo, il rimborso del bollo auto spetta solamente in alcuni casi specifici. Ovvero:

  • Quando si paga il bollo auto due volte nello stesso anno di riferimento per il medesimo veicolo;
  • Quando si paga il bollo auto versando un importo eccedente rispetto a quanto dovuto (fanno riferimento i kW o Cv del veicolo);
  • Quando si perde il possesso dell’auto, ad esempio per un furto (in questo caso il rimborso è frazionato).

C’è poi un’altra circostanza in cui è possibile chiedere il rimborso del bollo, anche se è valida solo in poche Regioni, ovvero quando l’auto viene rottamata e quindi non può più essere goduta. In tali occasioni il rimborso sarebbe frazionato (quindi è restituita solo la parte non fruita della relativa annualità), e si invita a consultare il sito ufficiale della Regione di riferimento e prendervi contatto per scoprire se è possibile chiedere il rimborso del bollo.

Esenzione con rottamazione Euro 4: come averla

Per la richiesta di rimborso, generalmente, sarà necessario presentare la copia del bollo pagato e da rimborsare, nonché una copia del libretto di circolazione.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →