Estinzione mutuo 2020: quando non conviene farla e perché

Pubblicato il 5 Febbraio 2020 alle 15:02 Autore: Guglielmo Sano

Mutuo 2020: quando conviene optare per l’estinzione anticipata? Sono previste delle penali? Ecco cosa c’è da sapere al riguardo

Porcellino salvadanaio
Estinzione mutuo 2020: quando non conviene farla e perché

Mutuo 2020: i risparmiatori hanno la possibilità di estinguere un finanziamento senza pagare penali alla banca di riferimento? Nel caso in cui la risposta a questa domanda sia affermativa quando conviene l’estinzione?

Mutuo 2020: cos’è l’estinzione anticipata?

Quando si stipula un mutuo, tra le possibilità del mutuatario, cioè di chi lo sottoscrive, c’è anche quella di versare alla banca tutto il debito residuo in un’unica soluzione. In pratica, si rinuncia alla rateizzazione: ciò per un motivo molto semplice da capire: l’estinzione del mutuo permette di non pagare gli interessi previsti per il piano di ammortamento. Tuttavia, dato che per pagare tutto il debito residuo in un’unica soluzione è necessario avere a disposizione una liquidità consistente, il mutuatario deve porsi un’ulteriore domanda: “mi conviene estinguere il mutuo in questo momento?”.

Mutuo garanzia di stato e surroga: come funziona e quando si fa

Quando conviene estinguere il mutuo?

Due sono in fattori da tenere in considerazione per rispondere in un modo o nell’altro al suddetto interrogativo: innanzitutto, se l’estinzione del mutuo comporterà il pagamento di qualche tipo di penali e, in secondo luogo, se l’estinzione conviene allo stato di avanzamento a cui è giunto il pagamento del prestito. Ora, solo nel mutuo ipotecario non sono previste penali, la banca può invece applicare delle penali se l’estinzione anticipata riguarda un altro genere di finanziamento come potrebbe essere un mutuo fondiario.

Casa cointestata e detrazioni mutuo 2020: a chi spettano nel modello 730

Dunque, in generale si può dire che se l’importo degli interessi che resterebbero da pagare è inferiore a quello delle penali, estinguere il mutuo chiaramente non conviene. Inoltre, sempre in generale, è possibile affermare che l’estinzione non conviene nemmeno se lo stato di avanzamento ha ormai superato la metà della durata totale prevista: infatti, gli interessi sono ormai minimi, visto che si pagano all’inizio (in base al cosiddetto “ammortamento alla francese”), e ciò che resta da restituire è sostanzialmente la quota di capitale.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →