Mutuo casa 100 per cento: quando richiederlo e requisiti d’accesso 2020

Pubblicato il 10 Febbraio 2020 alle 13:12 Autore: Guglielmo Sano

Mutuo casa: il finanziamento per un immobile può coprire solo una parte oppure l’intero suo valore. Quanto conviene quest’ultima opzione?

Chiavi in mano
Mutuo casa 100 per cento: quando richiederlo e requisiti d’accesso 2020

Mutuo casa: un finanziamento può coprire solo una parte oppure l’intero valore dell’immobile che si intende acquistare. In tal caso si parla di mutui al 100%: tuttavia, questi sono particolarmente rari. Di solito, infatti, un mutuo copre soltanto l’80% del valore dell’immobile.

Mutuo casa al 100%: un’evenienza rara

Il mutuo casa al 100%, come si diceva, è abbastanza raro, di solito, infatti, i mutui coprono solo l’80% del valore dell’immobile che si intende acquistare. D’altra parte, con un finanziamento che copre l’intero valore dell’immobile si alzano notevolmente i rischi di insolvenza per chi concede il credito: non stupisce dunque che a richiederlo nella maggior parte dei casi siano soggetti con pochi risparmi a disposizione (un giovane appena entrato nel mondo del lavoro, per esempio).

I requisiti: contratto, assicurazione, ipoteca e garante

Allo stesso modo non stupisce allora come tra i requisiti necessari per stipulare un mutuo al 100% figuri, imprescindibilmente, un contratto di lavoro a tempo indeterminato (e magari la presenza di due redditi nel nucleo familiare) così come un’ipoteca sull’immobile che, d’altro canto, è una condizione fondamentale anche per gli altri tipi di mutuo. Molto più che probabile anche la richiesta di un garante terzo da parte dell’istituto di credito, inoltre, al mutuatario si imporrà la sottoscrizione di una polizza assicurativa fideiussoria per coprire l’eccedenza del 20% rispetto all’80% del valore dell’immobile erogato di consueto; questa può essere pagata anche da chi concede il mutuo ma si determinerà un aumento dello spread applicato.

Mutuo casa al 100%: quanto conviene?

In generale, però, lo spread di un mutuo casa al 100% è già di per sé più alto rispetto a quello di un “normale” mutuo dato che, come si diceva, il rischio di insolvenza è superiore. Già basta questo per dire che, a meno che non sia proprio necessario scegliere tale opzione in base alla propria situazione personale e finanziaria, non è molto conveniente stipulare un mutuo casa al 100%, o meglio, è più conveniente nella maggior parte dei casi sottoscrivere comunque un classico mutuo all’80% o al 70%.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →