Pensioni ultima ora: Quota 100 resta e al lavoro per Quota 101

Pubblicato il 21 Febbraio 2020 alle 17:20 Autore: Giuseppe Spadaro

Pensioni ultima ora: dichiarazione del ministro Fabiana Dadone: “Per noi Quota 100 resta”. “Si potrà eventualmente valutare se portarla a Quota 101

Pensioni ultime notizie: aumento assegni, Salvini "nostra battaglia"
Pensioni ultima ora: Quota 100 resta e al lavoro per Quota 101

Pensioni ultima ora: da settimane è in piedi un confronto tra governo e sindacati sulle prossime misure previdenziale da introdurre in Italia. Al momento è in vigore Quota 100 che sarà valida sino al 31 dicembre 2021. Ricordiamo che si tratta della opzione di pensione anticipata riservata a chi ha raggiunto i seguenti requisiti: 62 anni di età e 38 anni di contributi versati.

Pensioni ultima ora, cosa succederà con lo scalone?

L’intenzione dichiarata dal governo è quella di raggiungere con le organizzazioni sindacali un’intesa finalizzata ad approvare una nuova riforma con cui superare la riforma Fornero ed evitare uno scalone post Quota 100. Per scalone si intende la creazione di una disparità tra i lavoratori che sino a fine 2021 potranno andare in pensione raggiungendo i requisiti citati e coloro che invece dovranno attendere, per andare in pensione, i termini previsti dalla riforma Fornero. La differenza tra i primi ed i secondi sarebbe di almeno 5 anni.

Ministro Dadone: Quota 100 resta, al massimo sarà Quota 101

Pensioni ultima ora – Nel frattempo, dal 27 gennaio 2020 ad oggi, si è parlato di tantissime soluzioni. Anticipare la scadenza di Quota 100 a fine 2020 anziché fine 2021. Introdurre nuove soluzioni previdenziali con proposte su cui tuttavia c’è ancora molta distanza tra l’opinione del governo ed il punto di vista dei sindacati. L’ultima novità sull’argomento giunge dalle parole pronunciate dal ministro per la Pubblica Amministrazione, nominata in quota Movimento 5 Stelle, Fabiana Dadone. “Per noi – ha detto abbastanza a sorpresa l’esponente pentastellata – Quota 100 resta, è importante e ci teniamo a mantenerla in piedi. Si potrà eventualmente valutare se portarla a Quota 101, ma sono valutazioni preliminari. Il trenino di prova di Quota 100 rimane dov’è”. Parole nette che dovranno tuttavia essere confrontate con le altre posizioni esplicitate da altri esponenti della maggioranza.

Per esempio tempo fa il viceministro Antonio Misiani si è espresso con altrettanta chiarezza ma nella direzione opposta rispetto a Dadone sul termine confermato di Quota 100 nel 2021. “Quota 100 è stata venduta da Salvini come una riforma della Fornero, ma in realtà era una misura assolutamente transitoria. Vogliamo costruire un sistema pensionistico che vada al di là della Fornero con un meccanismo più equo e anche più sostenibile dal punto di vista finanziario di quanto non sia stata quota 100”.

Per non parlare della posizione di Italia Viva secondo cui, come ha più volte sottolineato anche il leader Matteo Renzi, Quota 100 va assolutamente cancellata facendo in modo che le risorse attualmente impiegate per la misura previdenziale siano destinate altrove.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →