Cessione ecobonus 2020 in scadenza: data Agenzia delle Entrate

Pubblicato il 25 Febbraio 2020 alle 11:45 Autore: Daniele Sforza

Cessione ecobonus 2020 in scadenza a fine febbraio: ecco la data da tenere a mente e cosa bisogna sapere a riguardo sul tema.

Cessione ecobonus 2020 in scadenza
Cessione ecobonus 2020 in scadenza: data Agenzia delle Entrate

Cessione ecobonus 2020: il termine ultimo per la comunicazione all’Agenzia delle Entrate si avvicina sempre di più, visto che la scadenza è prevista per fine febbraio 2020. L’adempimento riguarda tutti quei contribuenti che sostengono spese di risparmio energetico che danno diritto alla detrazione Irpef e che intendono optare per la cessione della detrazione Ecobonus al fornitore dei lavori, per motivi che possono essere legati all’incapienza d’imposta. La cessione può riguardare i lavori effettuati sulle parti comuni condominiali, così come gli interventi effettuati sulle singole unità immobiliari.

Cessione ecobonus 2020: entro quando, la scadenza

La data da tenere a mente è quella di venerdì 28 febbraio 2020: questo è il giorno ultimo per comunicare all’Agenzia delle Entrate la cessione della detrazione ecobonus di quest’anno a favore dei fornitori di beni e servizi correlati ai lavori, o nei riguardi di altri soggetti eventualmente correlati al rapporto da cui ha avuto origine la detrazione, come ad esempio gli stessi soggetti che hanno diritto alla detrazione per lo stesso intervento sulle parti condominiali.

Cessione ecobonus 2020: come inviare la comunicazione

La comunicazione indirizzata all’Agenzia delle Entrate può essere effettuata tramite apposito modello cartaceo oppure possono essere utilizzati i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. L’invio del modello può essere effettuato anche via PEC e sottoscritto con firma digitale o firma autografa, ma in quest’ultima eventualità sarà necessario allegare anche una copia del documento d’identità.

Una volta effettuato l’accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate, sarà necessario seguire il percorso La mia scrivania – Servizi per Comunicare – Compila una comunicazione.

Nella comunicazione andranno inseriti i seguenti dati:

  • Denominazione e codice fiscale del soggetto che cede il credito d’imposta;
  • Tipo di intervento effettuato;
  • Importo spesa sostenuta;
  • Importo del credito cedibile;
  • Anno in cui è stata sostenuta la spesa;
  • Dati catastali dell’immobile oggetto di intervento;
  • Denominazione e codice fiscale del cessionario;
  • Data di cessione del credito;
  • Ammontare del credito ceduto.

Cosa deve fare chi riceve il credito d’imposta

I soggetti che hanno ricevuto i crediti relativi alle detrazioni per gli interventi di efficientamento energetico, potranno accedere all’apposita Piattaforma Cessione Crediti, che si trova sul portale dell’Agenzia delle Entrate, all’interno dell’area autenticata (percorso: La mia scrivania – Servizi per Comunicare – Piattaforma Cessione Crediti), al fine di visualizzare i crediti ricevuti e di conseguenza accettarli o rifiutarli. Se accettati, i crediti saranno poi visualizzabili nel Cassetto Fiscale e utilizzabili in compensazione tramite modello F24, con riferimento a quanto scritto nella Risoluzione n. 58/E del 25 luglio 2018.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →