Corona ultime notizie: trend contagi in calo con l’incognita sud Italia

Pubblicato il 17 Marzo 2020 alle 09:19 Autore: Daniele Sforza

Corona ultime notizie: il trend dei contagi è in rallentamento, afferma la Protezione Civile, ma c’è ancora l’incognita del Sud Italia.

Corona ultime notizie trend contagi in calo
Corona ultime notizie: trend contagi in calo con l’incognita sud Italia

Corona ultime notizie: siamo nel momento più difficile, ha detto ieri il premier Giuseppe Conte. Un intero Paese in quarantena, un settore (quello sanitario) allo stremo e un’incognita nel futuro di certe Regioni. Ogni giorno, alle ore 18, la Protezione Civile diffonde i dati sul numero dei contagi, delle persone vittime e di quelle guarite. Anche nella giornata di ieri, lunedì 16 marzo 2020, ci sono stati oltre 300 morti, ma il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha dato una notizia che ci ha fatto un po’ respirare: il trend dei contagi in calo. Ci sono stati infatti 2.740 nuovi positivi, un numero inferiore a quello di domenica 15 marzo, ma mancano i dati della provincia autonoma di Trento e della Puglia. Il trend è comunque in ribasso, anche in Lombardia, la regione più colpita dall’epidemia, e questo è un segnale di speranza, che però andrà confermato nei prossimi 1-2 giorni.

Corona ultime notizie: la tabella dei casi positivi e delle vittime aggiornata al 16 marzo

Di seguito la tabella che elenca il numero di casi positivi, delle persone guarite e delle vittime ripartite per Regione aggiornata a lunedì 16 marzo 2020, come diffuso dalla Protezione Civile.

RegioneCasi positiviPersone guariteVittime
Lombardia10.8612.3681.420
Emilia Romagna3.08888346
Veneto2.27413069
Piemonte1.4050111
Marche1.185057
Toscana8411114
Trentino Alto Adige602512
Liguria5754250
Lazio4723219
Campania363289
Friuli Venezia Giulia3461822
Puglia212216
Sicilia20382
Abruzzo16574
Umbria15941
Sardegna10502
Valle d’Aosta10302
Calabria8711
Molise1551
Basilicata1200
Totale23.0732.7492.158

Corona ultime notizie: quando arriva il picco e cosa dicono gli esperti

Ci sono ancora notizie discordanti su quando arriverà il picco, mentre inizia a emergere il problema dei casi sommersi, in particolar modo in alcune città del Nord, dove non è possibile fare tamponi (ne ha parlato Giuseppe Spadaro in questo articolo). La domanda degli utenti resta sempre la stessa: “quando arriverà il picco?”

La scorsa settimana fa si erano ipotizzati due scenari: nel primo il picco sarebbe arrivato questa settimana, tra lunedì e martedì 17 marzo 2020, con una curva che poi sarebbe gradualmente discesa. Il secondo scenario, più pessimistico, prevedeva il picco a fine marzo (attorno al 25). La verità, come solitamente accade, potrebbe stare nel mezzo. Due esperti, Alessandro Vespignani del Network Science Institute di Boston e Silvio Garattini che presiede l’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, sembrano concordare su un possibile periodo comune, attorno a domenica 22 marzo. Questo sarà il giorno in cui si arriverà al picco, con 30-40 mila contagiati in totale raggiunti alla fine di questa settimana.

Di parere diverso il virologo Roberto Burioni (e non solo lui) che ha affermato più volte come sia impossibile prevedere in picco. “Se le misure di contenimento hanno funzionato, il loro effetto sarebbe tra 15 giorni”, visto il periodo di incubazione che va da 2 a 11 giorni, con una media di 5-6 giorni.

Un’altra esperta, Elisa Vincenzi, che guida assieme ad Alberto Mantovani un team di ricerca sul Coronavirus, ha affermato a La Stampa che “il Coronavirus si indebolirà con il passare del tempo, diventando meno contagioso”, ma sarà solo una strategia “per sopravvivere”, perché il virus “ha questa intelligenza”.

Al di là delle previsioni degli esperti sul picco massimo che si registrerà in Italia (e molto dipende dai trend al Centro e al Sud anche a causa dei “cavalli di Troia” di ritorno), tutti sono concordi nell’affermare che il ritorno alla normalità non sarà immediato, ma molto lento e graduale. E questo dipenderà anche dalle misure che saranno prese all’estero.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →