Contrassegno disabili Legge 104: quando vale e dove

Pubblicato il 5 Aprile 2020 alle 10:00 Autore: Claudio Garau

Contrassegno disabili e agevolazioni per gli automobilisti portatori di handicap: che cos’è e chi lo emette. Per quanto tempo vale e dove.

Contrassegno posteggio disabili
Contrassegno disabili Legge 104: quando vale e dove

Sappiamo bene – e già più volte ne abbiamo parlato – le tutele previste verso i disabili, attraverso le disposizioni di cui alla nota legge 104 del 1992, espressamente finalizzata all’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. Vogliamo qui affrontare, in particolare, l’argomento del contrassegno per i disabili, ovvero una sorta di pass che consente vari benefici al titolare. Ecco allora di seguito come funziona, quando vale e dove.

Se ti interessa saperne di più su come funziona il cosiddetto “pagamento in contrassegno”, clicca qui.

Contrassegno disabili: di che si tratta e a cosa serve

Lo Stato italiano tutela tutti i soggetti portatori di un handicap in vari modi e, come accennato, lo fa anche tramite il contrassegno per i disabili, emesso da parte del Comune di residenza. Quest’agevolazione non è di poco conto, dato che permette di circolare su un mezzo a motore con maggiore libertà: è possibile infatti sostare nelle aree di sosta a tempo determinato, ma senza limiti di tempo, entrare nelle aree APU (aree pubbliche urbane) ZTC (zone a traffico controllato) e ZTL (zone a traffico limitato), senza commettere alcuna violazione del Codice della Strada e consente di effettuare il parcheggio del proprio veicolo nell’area delimitata dalla strisce gialle, gratuitamente e senza rischiare alcunché.

Permette inoltre di guidare nei giorni in cui la circolazione auto è vietata o limitata a causa dell’inquinamento. L’unica vera limitazione del contrassegno è che non permette al soggetto portatore di handicap di posteggiare la macchina, liberamente, nelle aree il cui perimetro è rappresentato dalle strisce blu, dovendosi anzi pagare il prezzo per il tempo di sosta, al pari di tutti gli altri automobilisti.

Dovrebbe essere ormai chiaro che il contrassegno per i disabili, detto anche contrassegno per auto, è un utile strumento che facilità gli spostamenti delle persone svantaggiate, in deroga ad alcune prescrizioni di legge, altrimenti applicabili: con esso, il disabile è tutelato contro inopportune verbalizzazioni di multe e contestazioni varie.

È costituito da un tagliando di colore blu (prima arancione) con il simbolo grafico della disabilità (la persona sulla sedia a rotelle) ed è espressamente destinato a persone con difficoltà motorie e di deambulazione e ai ciechi. Va esposto in originale e in maniera ben visibile, sul parabrezza del mezzo. Esso è in pratica un’autorizzazione che segue all’accertamento medico, rilasciata – come detto sopra – dal proprio Comune di residenza, ovvero dal Sindaco (art.188 CdS e art. 381 del Regolamento di esecuzione del CdS).

Dal punto di vista giuridico è un atto amministrativo a contenuto autorizzatorio, che resta nella proprietà del Comune sebbene sia consegnato in detenzione temporanea alla persona richiedente. Tale contrassegno per i disabili ha una validità di cinque anni, anche nell’ipotesi in cui l’handicap sia permanente. A seguito della scadenza, può ovviamente essere rinnovato; tuttavia, tale tagliando può essere dato all’interessato anche per un lasso di tempo minore, in ragione di uno stato di invalidità solo temporaneo. In ogni caso, per poterlo ottenere, è necessario che l’interessato faccia domanda, allegando il certificato dell’ufficio di medicina legale dell’Asl, che comprova le condizioni di salute del disabile.

Se ti interessa saperne di più sull’assicurazione auto a Km, come funziona, quando farla e quanto costa, clicca qui.

Chi sono i destinatari del pass? Dove utilizzarlo

Tale contrassegno per i disabili è un documento riconducibile solo ed esclusivamente a colui che ne fa domanda, ma può essere utilizzato su più mezzi, laddove il titolare sia ad esempio proprietario di due automobili diverse, oppure laddove il disabile sia a bordo del veicolo di un familiare.

Molti si domanderanno entro quali aree è possibile utilizzare il contrassegno: è possibile nel Comune di appartenenza o in una porzione di territorio più vasta? Certamente è una domanda legittima, dato che il titolare, ad esempio, ben potrebbe essere un lavoratore che si sposta per lavoro in un’altra città e vuole sapere se può utilizzare il pass anche fuori dal Comune di residenza. Ebbene, sgomberiamo il campo dai dubbi: il contrassegno disabili in oggetto può essere usato in tutta Italia, ovvero ha validità entro tutto il territorio della penisola, pur essendo stato concesso da un certo Comune.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →