•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 28 settembre, 2010

articolo scritto da:

Davvero “il Pd non fa opposizione”?

Provate a prendervi un caffè in un bar qualunque della nostra penisola. Provate a farvi un giro su uno dei tanti luoghi di aggregazione sociale sul web. Provate, infine, a fare un discorso più o meno articolato che contenga le parole “Partito Democratico” (o “Bersani”, a scelta) e “opposizione”. Ora notate le reazioni, e scoprirete che la maggioranza dei vostri ipotetici interlocutori si mostrerà convinta nell’affermare che Bersani e il suo partito non fanno opposizione.

 

[ad]La tesi sembrerebbe condivisibile e, di fatto, lo è. Per la sua forza quasi tautologica è diventata uno dei tanti luoghi comuni e in quanto tale merita due considerazioni. La prima è che come tutte le opinioni comuni essa non è necessariamente vera, anzi. La seconda è l’invito a farci riflettere sui fattori che hanno contribuito ad alimentare questa credenza.

 

Per farlo, lasciamo per un attimo Bersani e soffermiamoci sugli altri leader politici del centro sinistra o quelli che comunque gli gravitano attorno. Chi più, chi meno, ognuno di loro ha dei tratti elocutori distintivi con cui riesce ad “ammaliare” l’elettorato. La passione, la forza comunicativa, il linguaggio estremo e diretto pagano molto nel modo di fare politica attuale, e portano un bel po’ di voti. La conclusione è che nel pastone delle dichiarazioni politiche vale molto più un «vaffanculo» di Grillo e un «piduista» di Di Pietro che la calma piatta del Pd.

 

Ma è davvero solo in questo modo che si fa opposizione? La domanda è volutamente retorica. Se pagassero solo urla e veracità, i voti dei democratici si vedrebbero ridotti al lumicino, poiché proprio la mancanza di carisma dei segretari piddini ha contribuito a far migrare molti elettori verso altri lidi.

 

L’opposizione non è una grandezza fisica, eppure esiste un luogo dove poterla misurare: il Parlamento. È qui che il Partito democratico si prende la sua rivincita contro le malelingue.

 

Per contrastare la vox populi prendiamo in esame due dati, facilmente consultabili sul sito della Camera dei Deputati. Il primo è quello delle percentuali di presenza in aula, in cui il Pd stravince tra le forze d’opposizione con un dato di presenze totali (in cui si conteggiano anche le missioni dei deputati) che si attesta all’84,49%, seguito dal 78,31% dell’Idv, il 76,35% dell’Udc e il 74,98% del gruppo misto.

opposizione

 

Il dato delle presenze, tuttavia, non è per forza sinonimo di fervida attività dei gruppi parlamentari. Per tale motivo ricorreremo a un ulteriore dato, molto più indicativo: la presenza dei gruppi parlamentari alle votazioni. Qui i deputati del Pd fanno letteralmente la differenza, dimostrandosi i più attivi non solo delle opposizioni, ma di tutto il Parlamento, superando di misura anche l’attivissimo gruppo leghista.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: