Reddito di Emergenza Inps: come fare domanda, la guida

Pubblicato il 26 Maggio 2020 alle 13:53
Aggiornato il: 24 Giugno 2020 alle 23:14
Autore: Giuseppe Spadaro

Reddito di emergenza Inps: l’Istituto ha comunicato le modalità e la data di scadenza entro la quale chi possiede i requisiti può presentare domanda.

Postazione con pc bicchiere d'acqua agenda e smarthone
Reddito di Emergenza Inps: come fare domanda, la guida

Il Reddito di Emergenza (di cui abbiamo già parlato con nostri precedenti articoli prima della sua ufficialità) è una delle novità contenute nel cosiddetto Decreto Rilancio (Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020) contenente misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro all’economia, nonché di politiche sociali, connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Sarà l’Inps a gestire il flusso delle domande ed a verificare la sussistenza dei requisiti previsti per accedere alla misura.

Reddito di emergenza, domande entro il 30 giugno 2020

Proprio l’Istituto di Previdenza Sociale con una comunicazione del 22 maggio 2020 ha ufficializzato il termine di avvio per l’invio delle domande specificando che possono essere inoltrate all’Inps utilizzando il servizio online disponibile sul sito internet dell’Istituto. Le domande dovranno essere presentate all’Inps esclusivamente in modalità telematica entro il 30 giugno 2020, autenticandosi con PIN, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica. Per la presentazione della domanda ci si potrà avvalere anche degli istituti di patronato.

Requisiti e spesa massima

Reddito di emergenza – Secondo l’articolo 2 dell’articolo 82 del DL 34 del 19 maggio 2020 il Rem è riconosciuto  ai  nuclei  familiari  in   possesso cumulativamente, al momento della domanda, dei seguenti requisiti:

  • a) residenza in Italia, verificata con riferimento al  componente richiedente il beneficio;
  •  b) un valore del reddito familiare,  nel  mese  di  aprile  2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui al comma 5;
  • c) un valore del patrimonio mobiliare familiare  con  riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000,  accresciuta  di euro 5.000 per ogni componente successivo  al  primo  e  fino  ad  un massimo di euro 20.000. Il  predetto  massimale  è  incrementato  di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un  componente in condizione di disabilitàgrave  o  di  non  autosufficienza  come definite  ai  fini   dell’Indicatore   della   Situazione   Economica Equivalente (ISEE), di cui al decreto del  Presidente  del  Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159;
  • d) un valore dell’ISEE inferiore ad euro 15.000.

Il decreto fissa anche un tetto massima di spesa da parte dello Stato. Infatti secondo l’articolo 10 ai fini dell’erogazione del Rem è autorizzato un limite  di spesa di 954,6 milioni di  euro per l’anno 2020 da iscrivere su apposito capitolo dello stato di previsione del Ministero del  lavoro e delle politiche  sociali  denominato “Fondo  per  il  Reddito  di emergenza”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →