Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: Puglia, Emiliano davanti a Fitto

Pubblicato il 14 Luglio 2020 alle 10:29
Aggiornato il: 17 Luglio 2020 alle 18:57
Autore: Andrea Turco

Emiliano avrebbe 4 punti di vantaggio sul candidato di centrodestra, Raffaelle Fitto. A sostenerlo sono i sondaggi elettorali di Troisi Ricerche

sondaggi elettorali, Fase 2 Puglia seconda casa

Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: Puglia, Emiliano davanti a Fitto

In vista delle regionali in Puglia che si terranno a settembre, Michele Emiliano avrebbe quattro punti di vantaggio sul suo principale avversario, il candidato di centrodestra, Raffaelle Fitto. A sostenerlo sono i sondaggi elettorali realizzati da Troisi Ricerche per Fanpage.it. Secondo la rilevazione, il governatore uscente otterrebbe il 41,1% dei consensi contro il 37,6% dello sfidante in quota Fratelli d’Italia. Fuori dai giochi gli altri candidati, a cominciare da Antonella Laricchia del Movimento 5 Stelle sondata al 16,7%. Ivan Scalfarotto, sostenuto da Italia Viva, Azione e +Europa, raccoglierebbe il 4,2%. Voti che sicuramente avrebbero fatto comodo ad Emiliano e che invece condannano il presidente ad un risultato carico di incertezze e tensioni. Ultimo con il 0,4%, Mario Conca, della lista Cittadini Pugliesi.

Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: Emiliano, chance di vittoria molto alte

Le quote di una possibile ricandidatura di Emiliano sono molto alte. Quasi un pugliese su due dà per certa una sua vittoria alle regionali (48,5%). Il 38,9% scommette invece su Raffaele Fitto mentre solo l’11,3% su Laricchia del M5S (Scalfarotto rasenta l’1,2%).

Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: alleanza Pd-M5S, Emiliano apre

Sulla possibilità, ad oggi remota, di un’alleanza con il M5S, Emiliano lascia aperto uno spiraglio: “L’interlocuzione con il Movimento 5 Stelle non si chiuderà mai. Non so se avremo lo stesso candidato presidente o due candidati diversi, ma la nostra interlocuzione è aperta”. “Se dovessi vincere le elezioni – ha aggiunto – chiederei comunque al M5S di far parte del mio governo, l’importante è evitare che la Puglia torni a 20 anni fa. E’ una responsabilità che abbiamo noi e loro, non possiamo scappare. Visto che ce l’abbiamo in Italia questa responsabilità, non capisco perché non si debba fare anche qui”.

Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: Laricchia (M5S) chiude ad Emiliano

Difficile che il matrimonio si concretizzi. Solo pochi giorni fa, in un’intervista al Manifesto, Laricchia aveva espresso giudizi molto duri sul governatore uscente: “Emiliano e Fitto sono espressione dello stesso modo di fare politica. Emiliano in questi anni non ha amministrato. Ha fatto solo campagna elettorale cercando di allargare il proprio bacino di voti nominando personalità del centrodestra in ruoli strategici”.

Sul risultato delle regionali in Puglia si erano espressi in precedenza anche Euromedia, Demopolis e Noto.

Sondaggi elettorali Troisi Ricerche: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: dal 5 al 7 luglio. Campione casuale rappresentativo della popolazione residente nella regione Puglia maggiorenne secondo genere, età, provincia di residenza, dimensione del comune di residenza. (1.000 interviste): 1.000 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.897 – totale contatti effettuati: 2.897. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.1% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (1.000 casi). Metodo raccolta delle informazioni: Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →