Bonus 1000 euro maggio 2020 nel decreto agosto, chi deve aspettare

Pubblicato il 7 Agosto 2020 alle 12:54 Autore: Guglielmo Sano

Bonus 1000 euro: novità per i professionisti ordinistici; nel Decreto Agosto compare una norma specifica che gli permetterà di ricevere l’incentivo

Banconote in euro
Bonus 1000 euro maggio 2020 nel decreto agosto, chi deve aspettare

Bonus 1000 euro: novità per i professionisti ordinistici; nel Decreto Agosto compare una norma specifica che gli permetterà di ricevere l’incentivo legato all’emergenza sanitaria, a quanto pare, entro la fine del mese. Una lunga attesa che, però, sembra destinata a concludersi in modo positivo. Di seguito qualche dettaglio.

Bonus 1000 euro: aspettando un decreto interministeriale

Bonus 1000 euro: alla fine, dopo una lunga attesa (e non pochi timori rispetto alle risorse disponibili per finanziare l’iniziativa), sembra essere in dirittura d’arrivo l’ultima tranche dell’incentivo previsto a seguito del lockdown per le partite Iva iscritte alle casse private. Come per il bonus di aprile, pari a 600 euro, anche per quello di maggio era necessario il varo di un decreto interministeriale che ne regolasse le modalità di erogazione oltre all’importo (ora certamente stabilito a 1000 euro). Il ritardo nella prosecuzione dell’iter della procedura si è accumulato fino a questi primi giorni di questo mese, quando il governo ha scelto di sbloccare la situazione inserendo un’apposita norma all’interno del prossimo Decreto Agosto.

Termina l’attesa per i professionisti ordinistici

Bonus 1000 euro: per quello che si apprende dalla bozza – praticamente definitiva “salvo intese” – del suddetto provvedimento, l’incentivo per i professionisti iscritti alla cassa del proprio ordine di appartenenza sale a quota 1000 euro, proprio come per i professionisti iscritti alla gestione separata Inps. D’altra parte, se questi ultimi hanno dovuto dimostrare un calo di fatturato pari al 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 per richiederlo, le partite Iva iscritte ad un ordine riceveranno l’incentivo in automatico (visto che sin da marzo erano state vincolate a dei requisiti reddituali per farne richiesta). Nello specifico, lo riceveranno in automatico coloro che hanno già ricevuto l’incentivo a marzo ed aprile mentre gli altri – a cui si applicheranno gli stessi limiti di reddito ma nulla a proposito del calo di fatturato – dovranno fare richiesta con un format che varierà a seconda della cassa privata a cui si è iscritti.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →