Quali sono i Pro e contro conto corrente cointestato?

Pubblicato il 17 Ottobre 2020 alle 09:00 Autore: Guglielmo Sano

Prima di passare ai pro e ai contro di avere un conto corrente cointestato bisogna chiedersi di cosa si tratta e in che modo funziona

Pro e contro conto corrente cointestato: ecco i segreti e i consigli

Quali sono i Pro e contro conto corrente cointestato?

Prima di passare ai pro e ai contro di avere un conto corrente cointestato bisogna chiedersi di cosa si tratta e in che modo funziona. Una panoramica di cosa può e non può fare chi ne sottoscrive uno.  

Acquisto immobile cointestato: cos’è e come funziona il meccanismo

Conto corrente cointestato: di cosa si tratta?

Conro corrente cointestato: di cosa si tratta? In pratica, un conto corrente cointestato consente di operare in autonomia a due o più soggetti contemporaneamente. Questo può essere a firma disgiunta o a firma congiunta: nel primo caso ogni cointestatario può compiere le operazioni bancarie senza l’assenso degli altri, nel secondo c’è sempre bisogno dell’assenso esplicito di ciascun cointestatario per svolgere tutte le operazioni. Per quanto riguarda la giacenza, salvo diversi accordi, la giurisprudenza ritiene che sia da considerare in comproprietà tra tutti i cointestatari in misura uguale.

Quali sono i Pro?

Il Pro principale di conto corrente cointestato in breve è che permette a tutti i cointestatari di agire in autonomia senza deleghe. Basti pensare al caso di una coppia di coniugi: i redditi di entrambi confluiscono in un unico conto che può essere utilizzato liberamente da entrambi per far fronte alle necessità familiari.

Quali sono i Contro?

D’altra parte, il conto corrente cointestato ha anche diversi Contro. Bisogna fidarsi particolarmente del cointestatario o dei cointestatari in quanto la banca non ha alcuna responsabilità se uno di questi prende una somma superiore a quella che gli spetta o, addirittura, svuota il conto. Un caso esemplare: dopo il decesso di uno degli intestatari, l’altro si appropria della quota del deceduto prima che gli eredi possano recuperarla. Un altro Contro del conto cointestato attiene ai pignoramenti: se uno dei cointestatari è indebitato, i creditori potranno recuperare la sua quota di giacenza.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →