•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 12 novembre, 2012

articolo scritto da:

Il riso Samorì, cotto (a sinistra) e mangiato (a destra)

[ad]Segnatevi questa banalissima sequenza numerica: 10-11-12. Che poi sarebbe la data di ieri. Il vocabolario delle disfide politiche del Paese si arricchisce ufficialmente della voce “Samorì”, con l’accento che sta lì a chiudere ogni possibilità di continuare a pensare il discorso così come l’avevamo immaginato  fino ad oggi. Il discorso, per intendersi, è giovane la storia del centro-destra in Italia.

E’ successo che ho dovuto alzarmi da tavola e portare il mio piatto di riso in salotto per capire se quello che le mie orecchie sentivano, lo vedevano anche i miei occhi. Ma non è stato qui che ho smesso di mangiare.  Nel pieno della fase di stanca dello show politico, dove la tv è costretta a farsi in vena di dibattiti placebo parlando di chi in tv – quel tale, Grillo – non ci vuole andare, ha fatto improvvisamente irruzione un individuo in giacca  e cravatta di cui sentiremo molto parlare. Almeno così mi pare: diciamo che le premesse appaiono esteticamente interessanti.

samorì

In Onda (La Sette) dedica i suoi ultimi spiccioli di trasmissione – di sabato sera alle 22.30 – all’intervista. Come spesso accade con questo genere di novità, esse giungono televisivamente per caso. Cioè questo tale che ora posso solo chiamare Samorì (per il quale un giorno forse avrò un sacco di sinonimi  da utilizzare: il presidente, il leader dell’opposizione, il capo, il premier, Lui), ecco dicevo questo avvocato modenese non passava certo di lì per caso. Quello che voglio dire è che i colleghi Luca Telese e Nicola Porro lo avevano palesemente chiamato con un fine diverso da quello che poi si è realizzato. Questo Samorì doveva essere lo zimbello di fine serata, il candidato non candidabile, il presuntuoso, l’ennesimo bruciatino della campagna di sfinimento del Pdl che non si chiamerà più Pdl ma intanto lo chiamiamo sempre Pdl.

Così, grosso modo, era stato introdotto da qualche battuta dei conduttori. E invece. Giacca/camicia/cravatta, tutto appena inamidato e sorriso spavaldo quest’uomo comincia a parlare. E dice delle cose strane, cambia il copione della solita messinscena e snocciola numeri (veri o falsi che siano) che prendono in contropiede i conduttori. Premessa doverosa: io questo Samorì lo conosco. L’ho visto un paio di volte nella facoltà di Giurisprudenza di Urbino, mia città natale. La sua figura mi incuriosiva. Un anno fa gli chiesi persino un’intervista perché arrivava a fare lezione in Bentley, ma non andai all’appuntamento per chissà quale motivo e chiusa la faccenda. Ecco insomma io l’ho visto con i miei occhi ed ero piuttosto scettico sul fatto che costui potesse suscitare interesse nell’elettorato moderato. E invece, inizia a parlare. A dire che lui ha le firme per candidarsi, che le ha già pronte, che bisogna alzare la soglia di queste firme, cosa che detta da un’outsider senza struttura farebbero strabuzzare gli occhi persino a Casaleggio.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: