•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 28 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Acli. Dopo Olivero è Bottalico il nuovo presidente nazionale.

Si chiama Gianni Bottalico il tredicesimo presidente nazionale delle Acli: Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani. Bottalico è stato eletto nel corso del consiglio nazionale delle Acli tenutosi sabato scorso a Roma. Contro i pronostici della vigilia che vedevano favorito il pugliese Gianluca Budano, Bottalico succede al piemontese Andrea Olivero. Quest’ultimo si è dimesso da poco in ragione del suo impegno politico a sostegno di Mario Monti e della sua lista.

[ad]Bottalico è nato a Bari 58 anni fa. Vive a Seregno in Brianza. Dal 2004 al 2012 è stato presidente delle Acli provinciali di Milano, Monza e Brianza. Anni in cui ha collaborato con il cardinale Dionigi Tettamanzi per il progetto del Fondo diocesano di solidarietà per le famiglie colpite dalla crisi e dalla disoccupazione. Della struttura delle Acli Bottalico è anche dipendente.

Nell’intervento da neoeletto presidente ha rivendicato l’autonomia delle Acli: «staremo anche nella bufera politica di questi giorni rivendicando la nostra autonomia e il nostro pluralismo». Per resistere alla bufera politica, per Bottalico, serve un saldo timone. Questo significa – ha aggiunto – fare delle scelte di responsabilità più che di protagonismo. Con riferimento critico alle dimissioni anticipate del suo predecessore.

Autonomia e pluralismo. Comunità e lavoro. Saranno queste le parole chiave della presidenza di Bottalico. La galassia Acli conta un milione di iscritti e tre milioni di cittadini assistiti dai tanti servizi offerti dalle Acli. Tornando al rapporto con la politica anche in questa tornata, come già successo in passato, sono diversi i dirigenti Acli in corsa per un seggio parlamentare. Candidati con la Lista Monti, come con Futuro e Libertà o col Partito Democratico. L’obiettivo principale delle organizzazioni del Terzo settore resta il presidio della politica. A favore delle istanze dei loro associati. Nel caso delle Acli si fa riferimento ad una struttura molto capillare. I principali settori di riferimento sono la tutela e la promozione dei diritti sociali e della cittadinanza attiva, l’assistenza fiscale e previdenziale, la formazione professionale, il sostegno agli agricoltori, l’animazione culturale e sportiva, il turismo sociale, la promozione della donna, dei giovani e degli anziani, l’impegno per gli immigrati e per la pace. Oltre che in Italia, le Acli sono presenti in 30 Paesi nel mondo.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: