•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 17 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Prove tecniche di Ppe in Italia?

Mario Mauro non vuole il rimpasto di governo

Prove tecniche di Ppe in Italia?

D’accordo, la Dc è politicamente naufragata tra la fine del 1993 e l’inizio del 1994 (anche se giuridicamente esiste ancora, tanto che continuano a contendersela e a darsele di santa ragione), ma la voglia di centro e di popolarismo non sembra proprio voler abbandonare l’Italia. E’ come una calamita che periodicamente cerca di ricreare contatti e aggregazioni, specie se le elezioni sono vicine. E’ quello che sta accadendo nell’area di riferimento del Ppe, con operazioni di vario tipo.

Si è iniziato in qualche modo ieri, con il pranzo tra Silvio Berlusconi, Angelino Alfano e Mario Mauro, presso il Circolo Ufficiali di via XX Settembre, in cui non si sa bene di cosa si sia parlato (Mauro ha smentito le voci giornalistiche che assicuravano sostegno a Berlusconi sulla decadenza e sull’inclusione del reato che lo riguarda nell’ipotesi di amnistia); oggi si è continuato con un convegno organizzato dall’Associazione italiani per l’Europa, coordinato tra l’altro da Giuseppe Gargani (ex forzista, come Mauro, oltre che ex Dc), al quale hanno partecipato Mauro e il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa.

Se chi ha organizzato il convegno pensa a  un contenitore politico per chi non si riconosce a sinistra, i due ospiti sono cauti: “La prospettiva popolare per i Paesi dell’Unione europea – spiega Mauro – vuol dire prospettiva di una visione della società, dell’uomo, dell’economia sociale e competitiva di mercato che aiuti finalmente l’Europa a riemergere dalla crisi”. “Occorre cercare di ricostruire un’area omogenea tra le persone di buon senso del nostro Paese, che si riferiscono al popolarismo europeo – aggiunge Cesa -. Non solo i democratico-cristiani, ma chi ha a cuore la stabilità del Paese: è finita l’epoca dei partiti con il leader solo al comando”.

Lorenzo cesa

Al convegno Mauro è stato poco, Alfano non si è visto (“Forse è saggio attendere che, prima di pensare ai possibili accordi e alle alleanze, il centrodestra decida il suo futuro politico per capire se resterà unito oppure si spaccherà” ha osservato Cesa), ma certe mosse di Mauro a Scelta civica non sono piaciute molto e non manca chi lo ha fatto notare, a partire dal deputato Gianfranco Librandi. 

“Mauro, che grazie a Monti e’ diventato prima capogruppo al Senato, poi ‘saggio’ e infine Ministro, dovrebbe essere in prima linea a sostenere il progetto di Scelta Civica, distinto e distante da quello di Berlusconi e Alfano (con cui ha pranzato ieri) e di Casini – ha detto –  Anche per rispetto di tutte quelle persone che si stanno impegnando per l’affermazione di una forza diversa da tutte le altre, che non vuole scendere a compromessi con chi ha contribuito negli ultimi 20 anni a rendere l’Italia un Paese peggiore”.

Election box

Election box

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

articolo scritto da: