•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 26 novembre, 2013

articolo scritto da:

La pregiudiziale di Casini: “Si voti sulla decadenza quando l’interdizione è definitiva”

Politica italiana, Casini Evaporato il nostro terzo polo

Lo aveva in qualche modo annunciato ieri mattina nell’intervista rilasciata al Mattino, senza anticipare però i contenuti del suo intervento. Qualche ora dopo Pier Ferdinando Casini ha confermato le prime impressioni: ha proposto infatti una questione pregiudiziale perché l’aula del Senato “con una mera presa d’atto, non suscettibile di interpretazioni pretestuose e strumentalizzazioni politiche” decida sulla decadenza di Silvio Berlusconi solo “al momento della decisione definitiva della Corte di Cassazione sulla durata dell’interdizione“.

Si tratta di fatto di un rinvio e non è nemmeno il primo che viene proposto. Un effetto simile, in sostanza, poteva ricondursi al “lodo Buemi”, alla proposta cioè che il senatore Psi aveva presentato in Giunta perché si desse luogo direttamente alla decadenza in base all’interdizione dai pubblici uffici, una volta che fosse stata definitiva, senza bisogno di passare per l’applicazione della legge Severino. Allora come oggi, il tentativo sembra avere essenzialmente il duplice scopo di evitare effetti negativi di eventuali ricorsi in sede europea contro quella legge e di tentare una temporanea pacificazione tra le compagini politiche.

pregiudiziale di Casini

“Silvio Berlusconi  ha tutto il diritto di presentare quelle che ritiene nuove prove, di chiedere la revisione dei suoi processi e di avanzare ogni ricorso in sede europea – ha detto Casini -. La mia iniziativa prescinde totalmente da queste valutazioni e in particolare non ha nulla a che fare con estemporanee valutazioni, che respingo al mittente, sulle gravi responsabilità che si assumerebbero i senatori votando la sua decadenza”. Per l’esponente Udc le sentenze passate in giudicato vanno rispettate, altrimenti “sarebbe travolto il sistema democratico e ogni principio costituzionale diventerebbe carta straccia”. Anche per questo, conferma il suo sì alla decadenza “con pieno rispetto degli uomini e delle istituzioni”.

La proposta però non piace al Pd, che non ha la minima intenzione di appoggiarla: “Abbiamo letto e ascoltato quanto affermato da Pier Ferdinando Casini. Il Pd ritiene che l’aula del Senato debba solo prendere atto di una decisione della Cassazione, come previsto da una legge dello Stato – spiega la vicepresidente del gruppo Pina Maturani – e non ritiene ci siano motivazioni valide per dover sospendere l’iter parlamentare e non votare la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Per questo voteremo contro la pregiudiziale annunciata dal senatore Casini”. .

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: