•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 marzo, 2012

articolo scritto da:

Dal Blog: Le primarie, Bersani e il PD

Molto brevemente il gruppo dirigente del PD non ama le primarie, né le capisce e tanto meno capisce e, peggio ancora, si sforza di capire gli attuali meccanismi del consenso che gli sfuggono da due lati: quello della rete – che per loro è assolutamente alieno- e quello locale – sul quale si “limitano” a non aver nessun controllo né conoscenza approfondita. E lasciatemelo dire questo aspetto mi pare persino più grave del primo data la provenienza culturale di tale gruppo dirigente.

Ora nelle realtà medio-piccole, dove magari è più forte il radicamento del partito e meno peso hanno le nuove tecnologie, questi meccanismi rimangono più o meno sotto controllo, ma nelle grandi città (Napoli, Genova, Palermo, Milano, Firenze) questo non è possibile, da cui i risultati a sorpresa, magari anche contraddittori, con ad esempio a Milano un PD sconfitto alle primarie ma praticamente primo partito in città.

Per cui si, alla fine il problema non è il (solo) Bersani, ma tutto il gruppo dirigente del PD, eletto guardacaso dai soli iscritti, i.e. massima espressione dell’apparato, che non riesce a capacitarsi del perché la’ dove ci sia necessita’ di una scelta importante gli elettori non li seguono. E non si capacitano perché non si rendono conto che l’apparato di partito è ormai una cosa a se stante rispetto alla società italiana e loro ne sono l’espressione.

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

I commenti sono chiusi.