Pinacoteca di Brera: opere, cosa vedere e come arrivare

Pinacoteca di Brera: opere, cosa vedere e come arrivare La Pinacoteca di Brera è uno dei musei più importanti d’Italia. Il palazzo che la ospita fu costruito dai gesuiti sull’antico Monastero di Santa Maria di Brera degli Umiliati tra il XVI e XVII secolo. I monaci avevano dato vita a un centro culturale completo, infatti, vi avevano stabilito una prestigiosa scuola, una biblioteca e un osservatorio astronomico. Quando nel 1773 l’ordine dei gesuiti fu sciolto, Maria Teresa d’Austria vi fondò l’Accademia di Belle Arti. Nei primi anni dell’Ottocento, per volere di Napoleone, questo luogo riservato allo studio fu trasformato in museo. Arrivarono in via Brera 28 capolavori provenienti da enti ecclesiastici soppressi – come lo Sposalizio della Vergine di Raffaello Sanzio dipinta per la chiesa di San Francesco a Città di Castello – dai palazzi della Lombardia, oppure opere acquistate appositamente per dare prestigio alla collezione. La Pinacoteca nel 1882 si separa dall’Accademia di belle arti. Il museo continua a accresce la sua collezione, documentando con grande ricchezza la pittura lombarda e veneta tra il XV e XVIII secolo. Museo Nazionale della Magna Grecia: Bronzi di Riace, prezzo e orari Pinacoteca di Brera Milano: cosa vedere Tra le più importanti... View Article