•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 15 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Le contro-consultazioni del Movimento 5 Stelle

Le contro-consultazioni del Movimento 5 Stelle

Le contro-consultazioni del Movimento 5 Stelle

In Piazza Montecitorio i parlamentari del Movimento Cinque Stelle incontrano gli attivisti e i liberi cittadini. Consultazioni pubbliche, in contrasto e aperta provocazione a quelle che nella stessa giornata si stanno svolgendo al Quirinale, fra il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e i capigruppo dei maggiori partiti al governo, a seguito della crisi istituzionale e delle dimissioni del premier uscente Enrico Letta.

I Cinque Stelle, che hanno rifiutato di prendere parte alle consultazioni al Colle, come la Lega, oggi si ritrovano in Piazza e, a braccio, gli onorevoli si succedono al microfono in un comizio collettivo per dire la propria sulla situazione nazionale.

Roberta Lombardi, Giulia Grillo, Manlio Di Stefano e Alessandro Di Battista, fino ad ora, hanno catalizzato l’attenzione dei presenti, seduti in semicerchio come in un’assemblea auto-convocata. Slogan alternati a insulti e fischi nei confronti del governo e dei suoi esponenti.

 Le contro-consultazioni del Movimento 5 Stelle

 

È Paola Taverna, sopratutto, a tenere banco; applauditissima, accende gli animi con battute colorite nel suo stile e intercalari in dialetto romanesco: “Per me ce stanno a tirà un grandissimo pacco. A voi piace questo governo? A voi piace il nuovo premier? Allora mandiamoli a casa! Ecco, stiamo facendo le consultazioni. Io voglio consegnare queste consultazioni al Capo dello Stato”.

Redazione




Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

19 Commenti

  1. Stefano Galatolo ha scritto:

    “mi si nota di più se non vado, se vado e mi metto in disparte…”.. o se faccio un comizio?

  2. Marcello Novelli ha scritto:

    Il solito cinema.

  3. Giuseppe Mangialardi ha scritto:

    L’importante è ridere. Sbeffeggiare e ridere. Poi se tutto va a puttane, potremo dire che abbiamo fatto ridere. E sbeffeggiato. E quindi ce l’abbiamo più lungo.

  4. Francesco Coraggio ha scritto:

    che pagliacciata. a che serve?

  5. Lidia Cosentino ha scritto:

    Certo, parlare al popolo italiano(che ormai conta meno di niente) è una pagliacciata!!

  6. Matteo Busoni ha scritto:

    VINCIAMO NOI! M5S UNICA OPPOSIZIONE!!!

  7. Pino Iaco ha scritto:

    Sono alla frutta.

  8. Lucia Locatelli ha scritto:

    I grillini sono diventati bravi a fare spettacolo avendo Grillo come maestro. Mentre la Paola Taverna non è che si

  9. Gianluca-Grifaccio Corbucci ha scritto:

    Pagati per non gare un cazzo

  10. Alfredo Martinelli ha scritto:

    Con tutto quello che dicono sará facile poter dire: io l’avevo detto! Il movimento é appoggiato prevalentemente dal qualunquista disagiato o scontento della propria situazione, economica, professionale magari anche psicologica… (emblematica é la adesione numerosa di esponenti dello spettacolo, “artisti generici” o sedicenti artisti, di quelle persone cioé che hanno scelto nobilmente di vivere anche sotto un ponte pur di servire la loro Musa ma che si abituano spesso a seguire col fiuto il carrozzone Zigfield di successo per strappare un contratto, una data ecc.) Contestare, confutare, sbeffeggiare, ironizzare, sputtanare, gettare fango e fare i simpatici duri e puri é un esercizio facilissimo in una situazione cosí deteriorata e guasta come la politica italiana. Molto piú difficile rimboccarsi le mani per cercare di ricostruire. Con qualunquismo é molto piú semplice inventarsi irreali situazioni future, scenari non realizzabili e dire: ah se ci fossimo noi… In questo modo la maggior parte dei pigri mentali non puó che dare ragione alle loro ovvietá….Le accuse sono facilmente provabili e il futuro pentastellato che propongono non tutti hanno tempo e voglia di capire come czz sará possibile. Lavorando quindi sulla pancia dei milioni di pigri pensatori con l’abile istrionismo del capo ecco raccolto il 30% degli elettori, averlo incattivito a sufficienza fino a fargli accettare situazioni di bivacco dei manipoli in parlamento, di violenza per ora solo psicologica nel rifiuto a priori del dialogo democratico, disprezzo istituzionale e quant’altro utili a tener desta l’attenzione degli adepti pronti a muoversi fino al primo BAU… A tutte queste cose che ho detto la loro risposta é : ma gli altri cosa fanno? E come dargli torto? Il pino

  11. Bruno Morra ha scritto:

    si sono svolte nel manicomio municipale di Roma erano presenti 4 gatti 5 cani e qualche sbandato randagio

  12. Pingback: Le contro-consultazioni del Movimento 5 Stelle | iononhostato

  13. Margherita Simoni ha scritto:

    Questo notiziario è una depandance de Il Fatto and Padellaro?

  14. Margherita Simoni ha scritto:

    analisi magistrale. Reggono nonostante loro perché la miseria non chiama l’invidia del popolo.

  15. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Normale pagliacciata figlia del comico padrone di “M5s”!!!

  16. Bruno Marioli ha scritto:

    Se gli italiani manderanno giù anche questa vorrà dire che non c’è rimedio e dunque peggio per voi !

  17. Lucio Bufo ha scritto:

    consultazioni con il proprio cervello …. ahahaha

  18. Lucio Bufo ha scritto:

    … per vedere se è ancora vivo …. 🙂

  19. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    ma se non hanno intenzione di partecipare alle istituzioni democratiche… che c@zzo si sono candidati a fa? La taverna poi… si quella ndo va a magnà a spese nostre invece d’annarsene a fa du spaghi a casa sua…

Lascia un commento