•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 16 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Rodotà: “Governo Renzi? Serve un progetto nuovo”

rodotà

Rodotà: “Governo Renzi? Serve un progetto nuovo”

Stefano Rodotà, intervistato dall’Unità, dice la sua sull’eventuale nuovo governo guidato da Matteo Renzi, mostrando più di una perplessità, a cominciare dal programma e dalla spinta innovativa che l’esecutivo dovrebbe incarnare. “La maggioranza resta più o meno la stessa – dichiara Rodotà -. Del programma non si sa nulla. È il traghettamento della vecchia compagine affidandola sulle spalle di una sola persona”, sottolinea. E invece “servono una valutazione politica e un nuovo progetto, una discontinuità che non può essere solo su base personale”. Anzi, “se c’è una straordinaria novità, io cerco il nuovo non soltanto in una persona”.

renzi

Il giurista, insomma, ammette di  non comprendere le mosse del Pd: “Letta è stato trattato in modo aggressivo. Francamente, capisco poco il Pd in questo periodo. Renzi aveva promesso: mai più larghe intese. Ora indica il 2018 come scadenza. Più che una scommessa è un azzardo. Mi chiedo come farà visto che la distanza teorica tra Pd e Ncd è enorme su un’infinità di temi”.

Alla domanda se Beppe Grillo avesse fatto bene o male a non recarsi al Colle per le consultazioni, Rodotà spiega come alle istituzioni si debba “rispetto” ed “è sbagliato coinvolgerle in polemiche che riguardano le persone”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

intanto si vada alle elezioni. Sta al popolo decidere chi scegliere e chi valutare come realmente un progetto nuovo. Non c'è scritto da nessuna parte che bisogna votare sempre gli stessi partiti e gli stessi personaggi.