•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 10 marzo, 2014

articolo scritto da:

La ricetta di Lupi “Puntare risorse su aziende che creano lavoro”

Legge elettorale, Lupi "In maggioranza intesa su sindaco d'Italia"

“Penso che bisogna puntare le risorse sull’occupazione, e quindi sulle imprese che la creano, piuttosto che finanziare la disoccupazione”. Così il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, intervistato da Repubblica, riflette sul sussidio universale di disoccupazione proposto dal premier Matteo Renzi. “Ci sono due possibili modelli: creare nuovo lavoro oppure finanziare la disoccupazione. Se scegli questa seconda strada, il mio timore – continua Lupi – è che la gente alla fine resti fuori dal circuito del mercato del lavoro”. Il ministro interviene anche nel dibattito sul taglio di Irpef-Irap: “Fare una cosa a metà, cercare di tenere insieme i tagli delle tasse alle imprese e quelli a favore dei lavoratori, rischia di diventare un bicchiere mezzo vuoto, meglio perciò puntare tutto in una direzione”. La proposta di Lupi è pertanto quella di puntare “sulle aziende che creano lavoro”. Lupi si sofferma anche sui rapporti tesi tra Renzi, Confindustria e sindacati: il premier, dice, “ha sollevato un tema giusto: basta con il corporativismo, ognuno si assuma le proprie responsabilità”. Per Lupi ascolto e dialogo con Industriali, Cgil e associazioni di categoria va perseguito ma, sottolinea il ministro, “alla fine le scelte competono al governo». Infine, in merito alle quote rosa nella legge elettorale sottolinea: «Non sarà mai una legge da sola a cambiare la condizione femminile”.





Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

14 comments
Renata Pelati
Renata Pelati

ma ci fa o ci è?...........il ministro delle ovvietà! investire sulle aziende che creano lavoro? magari tante aziende potrebbero creare lavoro se lo Stato lasciasse alle aziende qualcosa attaccato all'osso! STATO ITALIANO il vero nemico del lavoro!

Giuseppina Congiusta
Giuseppina Congiusta

lupi, ma tu è da v ent'anni che governi con Berlusconi, ora esci fuori con la ricetta magica, sembra che la colpa del dissesto è di altri. la colpa è tua quanto dei tuoi cumpoarielli e del tuo grande capo, meglio ex capo, andateveneeeee a casa che ci avete rotto, da una vita che vivete di politica, mantenuti con i nostri soldi, siete la vergogna dell'italia, non solo tu, tutti quanti da destra a sinistra passando per il centro

Lucia Contino
Lucia Contino

Ma no?Ti sei svegliato adesso!!!Hai chiesto notizie a Comunione e liberazione prima di darci la dritta?????

Gianni Gavin
Gianni Gavin

Fino alle europee questi sparano cazzate o come gli euro da mettere in busta, passate le elezioni se li riprendono con gli interessi, solo un meteorite ben mirato ci salva

Lucio Bufo
Lucio Bufo

... sì ... che poi s'intascano i soldi e investono cor cavolo ... le abbiamo già viste ste cose ...

Alessandro Tantussi
Alessandro Tantussi

IRAP o IRPEF? Non siate populisti, leggete e commentate. A cosa deve destinare Renzi i 10 miliardi di euro che ha promesso? Abbassare l'IRAP e non l'IRPEF. Gli sgravi alle imprese si trasformano in investimenti (domanda aggregata) e sviluppo. Gli sgravi ai consumatori (per quelli che guadagnano oltre il minimo di sopravvivenza) nei periodi di crisi, quando è alta la PROPENSIONE AL RISPARMIO, non si trasformano in domanda. La gente tende a non SPENDERE perché teme il futuro, e quindi tende ad accumulare ogni ulteriore entrata per far fronte ad eventuali difficoltà future. Comunque, anche se gli sgravi si trasformassero in spesa, avrebbero un effetto moltiplicativo del reddito inferiore e quindi la crescita del PIL sarebbe inferiore. Lo stimolo alla DOMANDA AGGREGATA è maggiore se gli sgravi sono concessi alle imprese e maggiore sarbbe l'effetto diretto sull'occupazione perchè per le imprese diminuirebbe il costo del lavoro.