•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 marzo, 2014

articolo scritto da:

Senato, via libera al ddl province

renzi parlamento programma mille giorni

Con 160 voti a favore, 133 contrari e nessun astenuto l’assemblea del Senato ha approvato la fiducia e il maxiemendamento del governo interamente sostitutivo del ddl Delrio sul taglio delle province. Il provvedimento, essendo stato modificato nel passaggio legislativo al Senato, torna ora alla Camera in terza lettura.

Dopo gli inconvenienti che si erano verificati ieri al Senato sull’abolizione delle province stamattina il Consiglio dei ministri si è riunito a palazzo Chigi fa per autorizzare l’apposizione della questione di fiducia sul ddl province.

Il Governo ha blindato di fatto il provvedimento dando prova della forza volontà politica di andare fino in fondo sulla strada dell’abolizione delle province. Ieri la maggioranza è andata ko per ben due volte in Commissione Affari Costituzionali al Senato, dove sono stati votati gli emendamenti al ddl. Nel dettaglio gli stop sono arrivati su un emendamento dell’opposizione e su uno della maggioranza. Il primo, che restituisce alle Province la competenza sull’edilizia scolastica, è stato approvato. Bocciato invece il secondo, proposto dal relatore e relativo all’indennità del Presidente della Provincia. Decisiva l’assenza di un senatore di “Popolari per l’Italia”, l’ex ministro della Difesa Mario Mauro.

matteo renzi

Tweet Renzi “Oggi giornata importante per le Province” – Lo stesso premier Matteo Renzi con un tweet pubblicato in prima mattinata ha fatto sapere che oggi “è una giornata importante per le province” e sempre oggi si terrà “una riunione chiave su Senato e regioni”

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

15 Commenti

  1. Stefano Zappa ha scritto:

    i fatti dicono: renzi abolisce le province grillo si oppone. i fatti

  2. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Molto bene! Matteo usi tutti gli strumenti democratici per portare a casa le riforme.

  3. Pietro Favaro ha scritto:

    …. vorrei, ma non posso … speriamo che non la pensino così, altrimenti addio ai risparmi di spesa sui politici ….

  4. Claudio Turola ha scritto:

    Ma per forza abolendole ci costerà di più. E poi e solo una modifica. Gli stipendi di chi lavorava in provincia un domani gli verranno dati dalla regione con gli annessi aumenti.

  5. Massimiliano Erario ha scritto:

    una porcata più incostituzionale della precedente è passata alla campera… e ti prego di usare le parole giuste, perchè al senato non verrà votato l’abolizione delle province, bensì il RIORDINO delle provine, che è cosa notevolmente diversa ( e tentano di farla passare per abolizione i tutti i talk show) Renzi è vuoto. ma proprio vuoto dentro

  6. Massimiliano Erario ha scritto:

    I fatti dicono Renzi Riordina le province ma non le abolisce e Grillo si oppone al riordino perchè le vuole abolire.questo dicono i Fatti. E il fatto che il movimento non vuole le province è evidentem, perchè nemmeno si presentano alle elezioni provinciali…. Imparate ad intepretare nel giusto modo i fatti prima di scrivere cazzate su un pc

  7. Fulvio Ugo De Lucis ha scritto:

    ” Gianni ” e Pinotti…..

  8. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Però vengono eliminati centri di spesa. Sono i centri di spesa il vero buco nero, non gli stipendi. D’altronde, mica puoi licenziare di punto in bianco decine di migliaia di persone. Fallo tu, se sei capace.

  9. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Quindi, il fato che il M5s non si sia presentato alle elezioni regionali sarde vuol dire che Beppe non vuole la Sardegna? E quando sarebbero le elezioni provinciali?

  10. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Mi avete davvero rotto il cazzo con questa storia che “Beppe vorrebbe”. Vorrebbe vorrebbe ma non ha fatto un beato cazzo da quando è nato il M5s, e nell’unica città che governa, conquistata al grido di “niente inceneritore”, hanno appena inaugurato l’inceneritore. Siete il nulla.

  11. Marco Corvi ha scritto:

    INIZIAMO BENE, SUBITO FIDUCIA! MA I POSTI PER I POLITICI SEMBRA SIANO AUMENTATI………
    SEMBRAVA TROPPO BELLO!

  12. Adriano G. V. Esposito ha scritto:

    Ottimo

  13. Gian Carlo Figliozzi ha scritto:

    ma e’ una presa per il culo,immane

  14. Claudio Turola ha scritto:

    Si infatti gli stipendi passeranno alla regione con il 15% in più!”” Lo dice anche la corte dei conti. Poveri italioti che si bevono tutto senza informarsi

  15. sarti17 ha scritto:

    Caro Stefano, i fatti dove li hai visti? Aspetta a trarre conclusioni, poi ne riparliamo.

Lascia un commento