•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 2 settembre, 2014

articolo scritto da:

Sblocca Italia, M5S contro il governo: via gli inceneritori

“Questo provvedimento? E’ una truffa ai danni di tutti i cittadini!”. Le prime reazioni al decreto Sblocca-Italia presentato dal premier Matteo Renzi, venerdì scorso in conferenza stampa, non sono certo delle migliori. E i primi a rilevarne elementi di criticità sono, come al solito, i 5 stelle. Stavolta il blog di Grillo fa da megafono ai “portavoce M5S in Lombardia” che titolano: “Sblocca Italia: inceneritori imposti con la forza”.

“Dalle bozze che sono circolate in questi giorni – scrivono i portavoce lombardi – si evince che nel decreto Sblocca Italia il governo rilancia la rete nazionale degli inceneritori (definita, questa volta, ‘sistema integrato’) e gli stessi forni diventano ‘opere strategiche di interesse nazionale’”. Da sempre i cittadini pentastellati sono impegnati in campagne ambientaliste e nel 2012 Federico Pizzarotti è diventato il primo sindaco a 5 stelle in Italia (a Parma) proprio sul vento della demolizione dell’inceneritore.

Sempre secondo i portavoce lombardi, la questione dei rifiuti potrebbe essere risolta in poco tempo e, soprattutto, senza procurare “un danno gravissimo all’ambiente e alla salute dei cittadini”. E come? “Sappiamo tutti che, in qualunque contesto insediativo, bastano pochi mesi per portare a regime un sistema di raccolta differenziata porta a porta in grado di portare la raccolta differenziata oltre il 75%”. La costruzione di nuovi inceneritori non sarebbe solo un danno ambientale ma anche “economico”, sostengono i grillini: infatti le comunità “da cui verrebbero presi i rifiuti” dovrebbero pagare “per l’incapacità gestionale e organizzativa delle classi politiche locali”. Insomma, in poche parole: meglio non farne di niente. E al diavolo finanziamenti già stanziati (anche se di poco conto).

iraq, m5s posizione

In effetti la direttiva europea sui rifiuti 2008/98 che “propone un quadro giuridico volto a controllare tutto il ciclo dei rifiuti”, recepita dal Parlamento italiano con il decreto legge 205/2010 (governo Berlusconi), invita gli Stati membri a “ridurre al minimo le conseguenze negative della produzione e della gestione dei rifiuti per la salute umana e l’ambiente” (articolo 6) e soprattutto “non dovrebbero promuovere, laddove possibile, lo smaltimento in discarica o l’incenerimento di detti materiali riciclati” (articolo 29).

“E’ quasi inutile sottolineare la gravità di questa svolta autoritaria del governo, che con la scusa di voler risolvere i problemi, con la scusa del ‘fare’, fa la cosa sbagliata” concludono i portavoce lombardi in continuazione con gli attacchi al governo espressi da due esponenti di spicco in mattinata. Grillo aveva schernito il premier sul blog: “Passo dopo passo? Piuttosto ‘tassa dopo tassa’” mentre il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, aveva invitato il governo a “fare le cose importanti in 1000 ore” cioè “abolire l’Irap, aumentare le pensioni tagliando quelle d’oro, e istituire il reddito di cittadinanza”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Nicola Pedone ha scritto:

    via gli inceneritori , no tav , no mose, no grandi opere , no europa , ,No ; NO ……………e che grande programma politico per l’italia

  2. Piero Bazzoni ha scritto:

    Via gli inceneritori, sì alle discariche, inviamo i rifiuti agli inceneritori all’estero.

Lascia un commento