•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 7 settembre, 2014

articolo scritto da:

Renzi chiude la Festa dell’Unità: “Non mollo di un centimetro, abbiamo il 41% e cambieremo l’Italia”

Alla Festa nazionale dell’Unità è stato il giorno di Matteo Renzi. Il premier è intervenuto toccando moltissimi temi dell’attualità. Ringraziando i precedenti segretari, in particolare l’ex sfidante Pierluigi Bersani, Renzi ha solleticato l’orgoglio delle migliaia di militanti presenti all’appuntamento.

EUROPA – “Siamo un partito che è visto come una speranza in tutta Europa, è un risultato che deve lasciarci i brividi e darci responsabilità”, ha detto. E proprio l’Europa è stato une dei principali temi oggetto del discorso renziano. “Insieme dobbiamo cambiare l’Europa e costruire un’Europa più legata alla crescita e meno al rigore, più al lavoro, alle famiglie e meno alle banche”, ha affermato.

Critico il giudizio sull’eurocrazia: “Stanotte nel canale di Sicilia è nata una bimba salvata dall’impegno italiano come tante altre vite. Oggi c’è una grande richiesta di politica. Dire che c’è spazio per la politica vuol dire che l’Europa non è solo regolamenti e vincoli di bilancio e poi dimenticare cosa accade nei nostri mari. Vuol dire che ci vuole la politica, fare alleanze in Ue perchè l’Ue si occupi di immigrazione”.

EQUITA’ E GIUSTIZIA SOCIALE – Il premier si poi lanciato in una difesa degli 80 euro, come misura di equità verso “chi ha sempre pagato e non ha mai avuto nulla indietro”. “Gli 80 euro – ha detto ancora – sono un’idea di civiltà: l’idea che chi ha sempre pagato si vede restituito qualcosa. È un atto di giustizia sociale più che una misura economica”. Poi la stoccata ai tecnici: “Finora i tecnici ci hanno detto che è finita la luna di miele. A noi ci porta bene – ha spiegato – ma c’è una parte di esperti del Paese, cresciuta all’ombra della Prima Repubblica incapace per 20 anni di leggere Berlusconi, non ha anticipato la crisi e ora ci spiega che gli 80 euro sono un errore. Non accettiamo lezioni”.

Matteo Renzi a festa dell'unita' di bologna - foto nucci benvenuti

RIFORME – “Sulle riforme – ha avvisato il presidente del Consiglio – io non mollo di mezzo centimetro e noi la cambieremo l’Italia, ma non a testa bassa bensì a testa alta, perché abbiamo preso il 41%, perché noi cambiamo l’Italia. “Questa volta non ce n’è per nessuno, questa volta le facciamo le riforme, basta con i gufi“. La riforme, ha insistito, non sono, “come ha sostenuto qualcuno, inutili, insignificanti, anzi uno scandalo, noi portiamo avanti, sia pure con modifiche, la legge elettorale e la riforma costituzionale, dimostriamo che la politica sa decidere”.

IL PARTITO DEMOCRATICO – Infine, il segretario ha annunciato che entro la fine della prossima settimana verrà comunicata la nuova segreteria. “Ci sono due paletti – ha precisato – io da solo non ce la faccio e l’altra condizione è che i veti non sono accettabili. Non possiamo passare tempo a litigare. Propongo una segreteria unitaria, dove la responsabilità è in capo a tutti. Ma deve essere chiaro che se nel Pd qualcuno vuole la rivincita l’avrà nel novembre del 2017, quando ci sarà il prossimo congresso“.


Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] tutti i giornali oggi aprono con l’annuncio fatto da Matteo Renzi durante il comizio di chiusura della Festa dell’Unità  di una nuova segreteria Pd […]

  2. […] dopo l’intervento del segretario-premier Renzi ieri alla Festa dell’Unità di Bologna non si fa attendere la replica di Civati. Nel suo intervento Renzi ha annunciato che entro la fine […]

  3. […] alla Festa dell’Unità di Bologna Renzi, con camicia bianca d’ordinanza rigorosamente senza cravatta, ha parlato a militanti e […]

  4. […] delle primarie con ben due renziani ha destato l’interesse anche del premier stesso, che dal palco di Bologna aveva dato il via libera alle primarie invogliando gli sfidanti ad appoggiare, dopo la sconfitta, chi risulterà […]