•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 14 settembre, 2014

articolo scritto da:

Csm, Romani (Forza Italia) “Il candidato Pd? Ora si riparte da zero”, Grasso: “Decisione tra oggi e domani”

italicum romani

Forza Italia non è allo sbando. Catricalà è stato silurato dai franchi tiratori del Pd non da quelli azzurri. Ad affermarlo, in un’intervista al Corriere, è Paolo Romani, capo gruppo dei senatori forzisti. “Basta guardare i numeri che hanno ottenuto Catricalà e Violante: Forza Italia, con 120 parlamentari, ha certamente rispettato il patto tra i partiti più di quanto non abbia fatto il Partito democratico, che di parlamentari ne ha ben 400”.

noi a grande coalizione

“A questo punto – fa sapere – si ridiscute tutto: il nuovo patto per la Consulta è complessivo. Si riparte da zero. Ma sono fiducioso che lunedì pomeriggio troveremo la soluzione“. Alla domanda se il candidato di Fi sia ora Donato Bruno, Romani replica: “Per decidere sulla candidatura abbiamo ancora tempo. In realtà, Bruno è un candidato non candidato. Lui non si è mai candidato, non è portato da nessuno, non è il terminale di una fronda interna, ha solo ricevuto un attestato trasversale di stima in Parlamento”. Su Violante, invece, Romani fa notare che che “finora non ha ricevuto il parere favorevole della maggioranza qualificata del Parlamento”.

Si sconfessa il Patto del Nazareno? “Nel segreto dell’urna – osserva Romani – si addensano maldipancia di ogni genere. Che vanno ben oltre il patto del Nazareno e riguardano vecchi rancori interni ai partiti”. “Mi auguro – afferma Romani – che si arrivi a breve a un accordo complessivo. Vorrei ricordare che mancano all’appello anche 5 componenti laici del Csm. I nostri candidati (Casellati e Vitali ancora non eletti, ndr) non hanno nulla di meno rispetto a quelli del Pd”.

SPERANZA: “HANNO PESATO ASSENZE” – Luciano Violante “è ancora in campo ed è la figura giusta per la Consulta: per questo ci spenderemo per raggiungere il quorum. Non bisogna sorprendersi se ci vogliano varie votazioni per trovare gli equilibri giusti perchè i giudici si eleggono assieme. Fi invece si è divisa su Bruno e Catricalà ma se si ricompattano su un nome la partita si chiude”. È quanto afferma al Mattino, Roberto Speranza, capogruppo pd alla Camera. Speranza, sullo spettro dei 101 che non votarono Prodi, osserva: “No, stavolta è diverso. Nell’ultima votazione sono pesate solo diverse assenze: su 469 preferenze a Violante, la gran parte sono democrat. Ecco tutto”.

GRASSO: “SOLUZIONE TRA OGGI E DOMANI” –  Anche il presidente del Senato Pietro Grasso è intervenuto sulla questione sollecitando le forze parlamentari a fare presto: “Se entro domani non si trova una soluzione il problema diventerà ancora più grave. Non si può tenere bloccato così un Parlamento”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Da "zero", cioè dal livello dove si trova ormai FI.