•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 1 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Il giornale tedesco Faz critica la riforma del lavoro di Renzi: “E’ annacquata”

“Il premier Matteo Renzi deve di nuovo difendersi dal rimprovero di soffrire di annuncite, la malattia degli annunci”. È quello che scrive la tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung a proposito della riforma del lavoro, che per il giornale è “annacquata”.

renzi su politica interna ed estera

 

“Nessuna sorpresa – si legge infatti – se permette che i suoi piani vengano annacquati come adesso la riforma del diritto del lavoro”. Faz scrive che dopo lo scontro col partito Renzi ha dovuto alla fine “arretrare”. Ricostruendo lo scontro sull’articolo 18, ritenuto dal premier “antiquato e ingiusto”, Faz scrive che questo articolo “mette paura ai datori di lavoro e affida il futuro delle imprese nelle mani dei giudici”. Sostiene inoltre come i giudici del lavoro in Italia siano “ideologici”, e ordinano il reintegro dei dipendenti licenziati anche di fronte alle prove “che abbiano rubato o che non abbiano lavorato. Renzi e i riformatori volevano chiudere con questa prassi”, aggiunge ma con la marcia indietro, “viene tolta l’efficacia al progetto di riforma“, per il giornale di riferimento dei conservatori tedeschi. “Si spera che la marcia indietro sia una manovra tattica: lui dovrebbe dopo le discussioni su compromessi inefficaci riprendere in mano la sostanza della sua riforma”, è l’auspicio del giornale. “Renzi ha coraggio e talento – conclude – per occuparsi di questioni strategiche piuttosto che di piccolezze. Ma a un certo punto deve anche realizzare fatti”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Angela Pad ha scritto:

    Governo ridicolo

Lascia un commento