•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 3 ottobre, 2014

articolo scritto da:

A Bologna l’assemblea nazionale di Sinistradem: prove di scissione nel Pd?

PD, sinistra

Dopo la spaccatura di lunedì sera in direzione, la minoranza Pd si lecca le ferite e si riorganizza. L’occasione è quella della Festa dell’Unità di Borgo Panigale di domani, in cui i cuperliani si riuniranno nella prima assemblea nazionale dell’associazione “Sinistradem”.

CAMBIARE NELLA DIREZIONE GIUSTA – «Abbiamo scelto come titolo ‘Cambiare. Dalla parte giusta’ perché restiamo convinti che il cambiamento sia necessario e vitale, soprattutto per la sinistra, ma siamo altrettanto convinti che nessun cambiamento ha un segno neutro. Bisogna scegliere insieme la direzione giusta per fare tutti un passo avanti». Queste, le parole di Gianni Cuperlo, fondatore dell’associazione, che si pone come una prosecuzione ideale delle istanze già portate avanti dall’ex segretario della Sinistra giovanile nella campagna delle primarie.

«Sarà l’occasione per discutere i temi al centro dell’agenda politica e l’organizzazione territoriale dell’associazione» ha proseguito l’ex presidente del Pd, sottolineando che ci sono già state più di cento conferme di partecipazione.

VENDOLA LANCIA LA “COALIZIONE DEI DIRITTI DEL LAVORO” – Le tensioni tra maggioranza e minoranza del Pd hanno fatto nuovamente aleggiare lo spettro di una scissione in breve tempo. L’assemblea di domani è, dunque, una prova di divisione dei cuperliani dal partito di Renzi? Ancora è troppo presto per dirlo. Quello che è certo, però, è che, a sinistra del Pd, c’è chi ha lanciato una sponda alla minoranza democratica contro la deriva verso destra di Renzi.

In un’intervista al Manifesto, infatti, il leader di Sel Nichi Vendola invita la minoranza Pd a «costruire qualcosa di nuovo», lanciando la «coalizione dei diritti del lavoro, che abbia la capacità di rendere sempre più stretto il legame fra i diritti sociali e civili» e mettendo «a disposizione Sel come uno stru­mento, un lie­vito, un ter­reno di incon­tro». Non si tratta, ha proseguito il governatore della Puglia, di «assemblare le schegge sconfitte della sinistra», ma di sfruttare il dibattito sull’articolo 18 quale «linea di demar­ca­zione che riguarda iden­tità, orgo­glio e senso stesso della parola sini­stra». «Quando la sinistra diventa asociale  è meglio chiamarla destra», ha, poi, proseguito Vendola, che domani sarà alla manifestazione di piazza Sant’Apostoli, a Roma, insieme a Pippo Civati.

civati respinge invito di renzi non entro in segreteria

CIVATI: “LA LINEA DI RENZI ALLONTANA PEZZI DI PARTITO” – Proprio l’outsider delle scorse primarie, al termine di un seminario a Pisa, è intervenuto puntando il dito contro Renzi e la sua linea. «Non sono io a volere la scissione – ha affermato Civati – ma la condotta di Renzi», che «sembra guardare altrove piuttosto che al nostro campo». Citando, poi, il crollo dei tesserati, Civati ha ricordato che non è sua intenzione «dividere il Pd», sottolineando che è il governo che ha «scelto di fare sue le istanze politiche della destra».

ORFINI: “L’ENNESIMO PARTITINO È UN ERRORE» – Chi, invece, richiama i democratici all’unità è il presidente Matteo Orfini, che ha risposto alla proposta di Vendola dichiarando: «sarebbe un errore fare l’ennesimo partitino, che finirebbe per essere solo la somma di ceto politico».

Alessandro De Luca

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

31 Commenti

  1. Sonia Carpentras ha scritto:

    lo spero

  2. Massi Meloni ha scritto:

    speriamo, fatevi la vostra piccola Rifondazione Comunista e non state ogni giorno a rompere le palle.

  3. Franco Crespino ha scritto:

    Sinistradem ? Da ridere proprio. Vuol dire che c’è anche la destradem ? Ma che cazzo di deficienti siete

  4. Meris Pellegrini ha scritto:

    speriamo

  5. Fulvio Ugo De Lucis ha scritto:

    tre porcellini

  6. Morski Som ha scritto:

    lo spero anch’io, perche’ cosi’ se ne vanno fuori dai coglioni e non fanno alcun danno poiche’ non hanno seguito…

  7. Stefano Bozzolo ha scritto:

    meglio Berlusconi, no?

  8. Morski Som ha scritto:

    sai ho quasi 70 anni, ho militato nel PCI, sono stato anche nella segreteria cittadina, ero un entusiasta, poi la bolognina mi ha spento e da allora ne ho viste di tutti i colori. ma tu li vedi e li ascolti quei cadaveri della cosiddetta sinistra del pd? e che cosa e’ stato fatto in questi ultimi 20 anni contro berlusconi?

  9. Pingback: Renzi contestato a Ferrara: "I sindacati devono cambiare" - Termometro Politico

  10. Fernando Giannoni ha scritto:

    E poi chi li vota?

  11. Tommaso De Falco ha scritto:

    Per fare le rivoluzioni ci vogliono UOMINI con le PALLE e nel PD latitano.Si sono accodati al vincitore e gli lasciano fare quello che Berlusconi detta.In altri tempi , per molto meno, chissà che sarebbe successo !
    Inoltre sono pure dei coglioni perché non si sono accorti che Renzi è stato mandato dalla Destra massonica a distruggere quel poco di sinistra che era sopravvissuto alle infiltrazioni precedenti dei finti fuoriusciti democristiani all’indomani di MANI PULITE.
    Oppure se non sono coglioni sono in malafede ed i coglioni sono quelli di sinistra che ancora li votano !

  12. Giancarlo Cimatti ha scritto:

    Buffoni e delinquenti.

  13. Hetty Puntin ha scritto:

    Torneranno all’ovile come al solito. Finché non lo fanno non ci credo.

  14. Gastone Losio ha scritto:

    bella foto, speriamo che caglino

  15. Guido Zaccaro ha scritto:

    Via da renzi….

  16. Filodoro Cupaioli Morandi ha scritto:

    Certo che alcuni commenti sono proprio da persone villane. Non credo proprio che ci sarà una scissione, sarà difficile convivere ma non bisogna mollare. Poi vedremo se il PD non mantiene i patti sulla riforma del lavoro per quelle piccole aperture che ha fatto in direzione. Già stamani ho sentito che il Sig. Taddei non esclude un voto di fiducia. Spero che ci pensino bene.

  17. Giovanni Gobbi ha scritto:

    Sono bersaniano da sempre, ma la scissione mai. In una democrazia l’opposizione interna deve esistere per portare a casa almeno qualcosa…. Eppoi quali sarebbero i risultati? Ingovernabilità e regalare fiato alle ormai spompate trombe pentastellate. Caro Bersa, confido nel tuo senso del partito….

  18. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Come con I governi Prodi la sinistra conservatrice tenta di spararsi nei coglioni e spesso ci riesce.

  19. Vito Martinelli ha scritto:

    speriamo meglio soli che malissimamente accopagnati

  20. Stefano Faccin ha scritto:

    Ecco bravi dichiarate il fallimento del PD che è ora

  21. Stefano Faccin ha scritto:

    I coglioni sono quelli di sinistra che li votano

  22. Stefano Faccin ha scritto:

    Ti rode il culo?

  23. Stefano Faccin ha scritto:

    No è stato ripristinato sottoforma vecchia DC

  24. Alessandra Croci ha scritto:

    Non rispondo ai commenti volgari
    Del resto, quando non si hanno le conoscenze e le competenze, non resta che usare l insulto e la volgarità. Che sono il proprio biglietto da visita. Complimenti!

  25. Alessandra Croci ha scritto:

    A proposito di ridere, comunque, è proprio vero: il potere logora chi c’è l ha, ma soprattutto chi non ce l ha!!!

  26. Salvatore Prata ha scritto:

    meglio soli che …

  27. Lino Gatti ha scritto:

    gia me lo avevi detto che ti RODE il CULO gia ti fa difetto lo memoria

  28. Cosimo Coscia ha scritto:

    Le solite, deludenti minchiate della psedo-opposizione.

  29. TrevisaniGiuseppe ha scritto:

    Sono un attivista del PD dalla prima ora e sono orgoglioso di aver fatto quello che ho potuto per far nascere un partito che rappresenta l’unica speranza politica vera del  mio paese.
    Ma già dai giorni del Lingotto la “NomenKlatura vetero comunista” ha incominciato a rumoreggiare e ha rumoreggiato fino alle elezioni dove il PD, guidato da V. Veltroni, ha preso il 33%, da quel momento il nostro partito non ha piu avuto pace, è salito su un piano inclinato che lo ha ridotto, per merito sempre della vecchia guadia, post comunista, guidata da Bersani, è passando da un flop all’altro, ha prodotto solo disastri: -elezioni Comunali , Regionali, Politiche, sono l’esempio eclatatnte-.

    Ora stanno spuntando correntucole che hanno come obiettivo l’imdebolimento dalla segreteria vincitrice delle primarie, mai metabolizzate dagli stessi personaggi, che hanno sempre soltanto remato contro ogni cambiamento e ogni dirigente che non appartenesse alla loro cerchia di nominati e integralisti, come Mineo , Fassina, Cuperlo, Chitti, Daddario, Casson, Epifani, Civati e altri.

    Bene signori, volete andarvene, andate pure, il PD, che vi piaccia o no, è l’unico vero partito di centrosinistra, state certi che, con i vostri distinguo e spunti  polemici sterili, se domani produrrete una scissione la responsabilità sarà solo vostra, Sappiate che la stragrande maggioranza di noi, aderenti, simpatizzanti, attivisti, quelli che hanno fatto dare e dato, per intenderci, al nostro partito il 40.8%, alle elezioni europee, mentre voi non avete moso lingua, non vi seguira!!!

  30. Giovanni Carbone ha scritto:

    se vogliono fare come il berty si accomodino

  31. Franco Balconi ha scritto:

    GUARDATELI BENE

Lascia un commento