•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 11 ottobre, 2014

articolo scritto da:

La Germania dopo il muro: la fusione tra Est e Ovest

Quanto c’è della vecchia Germania Est nella Germania di oggi? Tanto, stando al settimanale Der Spiegel, secondo il quale la Repubblica Democratica Tedesca ha contribuito e non poco a formare la nazione di oggi.

Lo Spiegel ricorda qual’era il pensiero dominante nel 1989, alla caduta del Muro di Berlino: “L’Ovest assimilerà l’Est. Non rimarrà niente della Repubblica Democratica Tedesca”. Non è andata così. A venticinque anni di distanza, il modello che ha prevalso è stato indubbiamente quello dell’Occidente. Ma non è stata un’assimilazione pura e semplice, quella cominciata nel 1989: è stata piuttosto una trasformazione che ha prodotto una Germania nuova.

Negli anni ’70, le due Germanie erano divise e in un certo senso lo erano anche i tedeschi. “Molti tedeschi della Germania occidentale preferivano guardare a loro stessi prima come europei e poi come tedeschi, anche per un senso di vergogna per il passato nazista” ha scritto il settimanale: “Molti tedeschi della Germania occidentale preferivano sentirsi più vicini a un britannico o a un francese, piuttosto che a un cittadino della Germania Est”.

Germania 2

Photo by Daniel AntalCC BY 2.0

Oggi quella percezione è cambiata, anche se sopravvive qualche divergenza di opinione. Rispetto ai loro connazionali occidentali, i cittadini dell’ex Repubblica Democratica Tedesca (soprattutto i giovani) giudicano positivamente i fatti che dalla caduta del Muro hanno condotto alla riunificazione della Germania.

Sopravvive ancora oggi un divario tra la parte occidentale della Germania e quella orientale, come mostrato dal rapporto annuale del governo tedesco sulla situazione economica nel paese. La disoccupazione, ad esempio, l’anno scorso ha segnato 10,3 per cento nell’Est e 6 per cento nell’Ovest: negli anni questa situazione ha prodotto fenomeni di migrazione interna che sono rallentati nel recente passato ma che secondo gli analisti potrebbero tornare a riproporsi nel breve termine.

Ma Est e Ovest hanno e avevano molto comune. Certi valori e certe categorie politiche c’erano già prima che il muro crollasse e le due Germanie si riunissero: una cautela nei confronti del capitalismo tout-court, molti movimenti pacifisti (e qui molto ha influito la Seconda Guerra Mondiale), la centralità del welfare. Tutto ciò aveva radici profonde soprattutto nell’Est.

Ma più banalmente (o forse no), dall’Est è stata ereditata anche l’abitudine a sventolare le bandiere, a tenere in alto i propri colori senza che questo abbia preso la deriva nazionalistica temuta da alcuni: “La Coppa del Mondo del 2006” ha ricordato lo Spiegel, “è diventata una festa avvolta nei colori della bandiera tedesca, nero, rosso e oro: i tedeschi che hanno celebrato i tedeschi in quanto tali”.

“La Repubblica Federale Tedesca ha assimilato la parte orientale, ma allo stesso tempo è diventata meno occidentale” ha scritto lo Spiegel. La fusione di Est e Ovest ha prodotto una Germania più grande, completa e in definitiva più sicura di sé.

Immagine in evidenza: photo by Piet theisohnCC BY 2.0

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Pingback: Venticinque anni fa cadeva il Muro di Berlino - Termometro Politico

Lascia un commento