•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 30 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Dagospia: “Marchionne è il nuovo guru di Renzi”

renzi marchionne

Sergio Marchionne è il nuovo guru di Matteo Renzi”, scrive Dagospia.

Il sito di Roberto D’Agostino ieri ha parlato del rapporto tra il premier e il numero uno della Fca, il gruppo industriale italo-americano che proprio nelle ultime ore ha deciso di scorporare Ferrari e di quotare il 10% del Cavallino in Borsa.

Dopo qualche dissapore ai tempi delle primarie, il capo del governo avrebbe “gradualmente cambiato idea” sul patron di Fca. E, a quanto pare, “la cosa è reciproca”, tant’è vero che oggi Marchionne “è il più grande ambasciatore del renzismo in giro per il mondo”.

marchionne-ferrari-sveglia

All’inizio della sua avventura, il manager originario di Chieti uscì da Confindustria e “dichiarò guerra al sindacato”: modus operandi che il premier starebbe cercando di imitare. “Per andare avanti”, prosegue Dagospia, Renzi “ha bisogno di fabbricarsi un nemico. E questo nemico è la Cgil.

Non è un caso che dalla Leopolda non siano uscite proposte per il futuro o ambiziosi programmi, ma solo una serie di punzecchiature e provocazioni a chi aveva portato in piazza un milione di lavoratori come “prova generale” dello sciopero prossimo venturo”.

L’obiettivo di Renzi sarebbe dunque quello di “ingaggiare un braccio di ferro con i sindacati e di diventare la Margaret Thatcher ai tempi di Twitter”. Con i sindacati in piazza per lo sciopero generale e il Jobs Act in cassaforte entro la fine dell’anno, Renzi potrebbe mostrare i muscoli a tutta l’Europa, agitando “lo scalpo della Camusso”, e rilanciare la sua figura di riformatore.

renzi camusso

Sulla questione elezioni anticipate, Dagospia è categorico: il premier ha tutto da perdere. La straordinaria performance registrata dal Pd alle ultime europee, con l’ormai celeberrimo 41%, potrebbe non ripetersi.

La strada per il premier sarebbe tutto sommato in discesa se non fosse per la partnership con Forza Italia. Il patto del Nazareno regge, ma è il partito di Berlusconi a non sentirsi tanto bene. Ormai, il leader forzista “si sta accorgendo che non controlla più della metà del suo stesso movimento” e sul banco degli imputati sono finiti Brunetta e Verdini.

Quest’ultimo però “ha risposto a muso duro che la colpa è delle uscite estemporanee” di Francesca Pascale a proposito delle unioni gay: una vera zavorra per i sondaggi forzisti. Sarebbe questo il motivo per cui, dopo la cena con Vladimir Luxuria, la fidanzata dell’ex premier è praticamente scomparsa dai radar.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

Pubblicità

articolo scritto da: