•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 17 aprile, 2014

articolo scritto da:

Scontri a Roma, Pecoraro: “Il poliziotto non è un cretino”

Il poliziotto che sabato scorso ha calpestato una ragazza distesa a terra durante gli scontri nel corteo per il diritto alla casa non è un cretino. A pensarla così è il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, che aggiunge: “La gestione della piazza è stata un successo”. Diverse immagini hanno mostrato un artificiere in borghese mentre calpesta una ragazza distesa a terra e già immobilizzata da un altro agente. “Vogliamo riflettere sull’ordine pubblico facendo un taglia e incolla?” si è chiesto Pecoraro nel corso di un’intervista con Repubblica.

Nei giorni scorsi, il capo della polizia Alessandro Pansa aveva parlato di “un cretino da identificare” ma il prefetto di Roma la pensa diversamente: “Io userei un’altra parola”.  Per Pecoraro l’uomo va giudicato nell’ambito di un contesto più ampio. “Io credo che se ci interroghiamo sul perché quell’artificiere era dove non doveva stare e ha fatto quel che le immagini mostrano e che non doveva fare, magari ci avviciniamo a una possibile soluzione”. Forse era lì per dare una mano ai propri colleghi, dice il prefetto, parlando della frustrazione di chi “per 1.200 euro al mese è per strada per difendere il diritto di manifestare di qualcuno che, al contrario, lo battezza come bersaglio simbolico della sua personale guerra”

scontri

E proprio sulla gestione della manifestazione di sabato scorso, Pecoraro non ha dubbi: “è stata un successo. Non ci sono stati danneggiamenti significativi, abbiamo difeso i luoghi istituzionali, è stato consentito lo svolgimento della manifestazione, è stata contenuta e respinta la provocazione dei violenti evitando che la situazione degenerasse. Se qualcuno avesse avuto l’onestà intellettuale di raccontarlo, avrebbe notato che di fronte al lancio di bombe carta e di poliziotti feriti, si sono evitate le cosiddette cariche profonde in punti che avrebbero messo a repentaglio l’incolumità di migliaia di manifestanti”.

Pecoraro dichiara infine di essere pronto a introdurre codici identificativi sui caschi degli agenti ma a una condizione: “Io dico, benissimo, introduciamo pure il codice identificativo, ma, contestualmente, introduciamo norme che regolamentino il diritto costituzionale di manifestare”.

Per il prefetto esiste il diritto costituzionale di manifestare ma esiste anche il diritto all’integrità dei poliziotti che lavorano per un pacifico svolgimento dei cortei. “Se si accetta questo scambio, le regole di ingaggio saranno chiare e non ci saranno più alibi”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

11 Commenti

  1. Daniel Spadacini ha scritto:

    Vogliamo proporlo per una medaglia ?

  2. Ciro Pocobello ha scritto:

    Pecoraro Scanio stai zitto che è meglio , l’unico cretino sei tu , ma che cazzo dici , la ragazza era a terra inerme è gli anfibi fanno male , gli poteva spappolare ilo fegato , sono sempre ha difesa delle forze dell’ordine ma queste cose non le ammetto , vada a chiedere scusa alla ragazza .

  3. Adelindo Paolucci ha scritto:

    c’è sempre, in ognuno di noi, un nanosecondo di cortocircuito di materia grigia che ci rende bestie, dall’una e dall’altra parte

  4. Franco Glerean ha scritto:

    peggio gli avrei fatto……………………

  5. Giampiero Censorii ha scritto:

    …basta che si mettano d’accordo…

  6. Francesco Coraggio ha scritto:

    Se il poluziotto non e’ un cretino, cretino lo e’ certamrnte il prefetto

  7. Adriano Bacherini ha scritto:

    Infatti non é un cretino é un delinquente

  8. G.b. Perazzo ha scritto:

    contesta tutto il ragionamento fatto dal capo della polizia…

  9. Roberto Marini ha scritto:

    …in generale o in particolare?

  10. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    No non è un cretino ma un grande vigliacco!!
    Non è compito della polizoa infliggere pene corporali a chi delinque, ma il suo cpmpito e quello di mettere chi delinque in condizioni di non nuocere ulteriomente.
    La ragazza a terra non nuoceva più, da qui si evence che quel “cellerino” è un vigliacco che ha abusato del suo potere.

  11. Pallino Pinco ha scritto:

    La gestione sarebbe stata quasi decente, se non fosse stato per questo cretino.
    Alla fine il fascio non smetterà mai di eccitare in questo Paese di merda…

Lascia un commento