•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 novembre, 2014

articolo scritto da:

Civati, “Se il PD diventa un partito di centro io andrò via”

pippo civati, comunali roma, magi

Quando interviene Civati lo spettro scissione Pd si ricarica. Giuseppe Civati, intervistato da Repubblica ha parlato ancora una volta, con toni non certo conciliatori, della situazione all’interno del Partito Democratico e dell’evidente scontro che c’è tra Renzi e l’opposizione dem.

Civati contrario alle modifiche all’Italicum

Nelle dichiarazioni rilasciate al quotidiano, infatti, Civati attacca Renzi anche dopo la modifica dell’Italicum che, a quanto pare, coinvolgerà NCD e Forza Italia ma tiene poco conto delle voci che arrivano dalle voci della minoranza Pd come lo stesso Civati, Cuperlo, Bersani, D’Alema e altri.

 giuseppe pippo civati

Civati: da ‘Italicum’ ad ‘Unicum’

L’Italicum – spiega Civati – rischia di diventare l’unicum: così nasce il partito unico di centro, una grande forza che domina il sistema. Attorno c’è una destra anti-euro e antitutto. E una sinistra che viene schiacciata e rinuncia ai tratti riformisti“.

Il progetto alla base della nuova legge elettorale, quindi, è quello della ricreazione del famoso ‘Big Tent’, una sorta di nuovo, gigantesco partito Democristiano che raggruppi l’area liberale del PD, escludendone l’opposizione, e l’area moderata rappresentata da Forza Italia e Alfano.

Civati contro il partito unico del centro

“Ecco il quadro – prosegue: – Renzi in mezzo diventa un leader nazionalpopolare, senza ideologie, che picchia sempre più spesso sulla sinistra. È un crescendo contro i sindacati, gli intellettuali, la vecchia guardia. Un continuo martellare”.

civati via da un partito di centro

Civati non è affatto contento nemmeno della metodologia della costruzione delle liste. Come spiega il deputato democratico, infatti, la nuova impostazione dell’Italicum definisce un’elezione indiretta, aldilà dell’apparenza che dà la scelta delle preferenze.

“Sono liste bloccate, si tratta di fatto di un’elezione indiretta. Senza contare che un capolista può esserlo in dieci collegi: così, alla fine, la segreteria di partito può decidere anche per i secondi classificati”.

Civati non abbandona l’ipotesi scissione

Sullo sfondo dell’intervista c’è lo spettro della scissione, non è per niente esclusa dal deputato. Civati, infatti racconta di essere “passato alla riunione di D’Alema e Bersani, situazione difficile, ormai siamo sul filo”, e che “dai prossimi passaggi, legge elettorale, riforme, Jobs Act, manovra, si capirà tutto. Certo, se passa il progetto del partito unico di centro, la risposta su cosa faremo purtroppo già c’è”.

Francesco Di Matteo


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

94 comments
Nora Picone
Nora Picone

Se non vogliono essere democristiani di destra , è ovvio che devono andar via.

biondifil
biondifil

@iostoconCivati nel senso che torna un po' più a sinistra? Perché ora è più a destra che a centro...

Gianni Strazzeri
Gianni Strazzeri

Figurati se va via Alle prossime elezioni una poltrona chi gliela trova

Antonino Segreto
Antonino Segreto

I comunisti non tollerano quando a governare non è uno di loro per cui si scioglieranno dal PD.

Cesare Azzetti
Cesare Azzetti

Se esce a queste condizioni, non lo vogliamo di certo. Uno che immagina possa essere un po' di centro un partito di destra autoritaria come è oggi il PD non serve a nessuno. Che rimanga lì dov'è.

Graziano Coletti
Graziano Coletti

Incoerente che sei, te ne dovresti essere già' andato, invece sei solo chiacchiere e distintivo

Giampiero Isidori
Giampiero Isidori

Ma che aspetta ad andarsene. Non e' riuscito nell'intento di divenire segretario, ed ora si sta scontrando con il segretario per metterlo, con la scusa delle rigorme, in difficolta' e mandarlo via. Il gioco non ti riuscira' ma sarai costretto ad uscire dal partito, visto che lo stai contestando sistematicamente e in modo pretestuoso. Sappi che in ogni caso rappresenti sempre un'esigua minoranza. Lo sa che la forza del PD e del suo segretario non viene dalla segreteria o dagli accordi tra le varie correnti, ma dai militanti e dai cittadini che lo hanno votato e scelto. Ergo Lei non rappresenta il PD, anzi va contro gli elettori di sinistra che hanmo scelto il loro segretario e questo non e' Lei.

Sergio Romano
Sergio Romano

io non penso che possa diventare un partito di centro; è la nuova DC!

Daniel Rueda Hernandez
Daniel Rueda Hernandez

Quà i scizionisti del PD, ci porti 3 caffe, !! Risposta del barista: ma certamente, ma c'è congresso?

Lidia Mora
Lidia Mora

faranno una brutta fine e ritorneranno con la coda tra le gambe razza di conigli fate schifo

Dino Marocchi
Dino Marocchi

Raccontano che Matteo Renzi dopo l'ennesima minaccia di questi omuncoli sia caduto in profondo stato di prostrazione.A questo punto è ben complicato che riescano a capire quanto siano ridicoli ed evanescenti.

Donato D'arcangelo
Donato D'arcangelo

Se vai via aggiungeranno la C cristiano se resti la metteranno ugualmente.

Matteo von Normann
Matteo von Normann

Potreste dire a Civati che ormai è una marionetta? Con i se e con i ma non si fa una mazza... senza se e senza ma si esce da un partito mamma che è sempre più di centrodestra e si cammina coi propri piedini... grazie.

Anna Maria Oricchio
Anna Maria Oricchio

così lasci il partito in mano ai renziani e ai paraculi come orfini e speranza RESISTI

Loredana Latinà
Loredana Latinà

Ma il modo indicativo il signor Civati lo conosce? Ancora si chiede se il Pd diventa? Ma cos'è' fino ad ora di estrema sinistra?

Pierfrancesco Catapano
Pierfrancesco Catapano

il progetto è quello: conquistare il centro a berlusconi. Per questo la legge elettorale avrà premio di lista e doppio turno. La scissione è un bene, da un'identità più definita al pd e riporta in parlamento un soggetto di sinistra che vale almeno il 5% e collegato al sindacato.

Loretta Blondett
Loretta Blondett

Ma ancora è in giro sto beota?? Vai vai Pippetto che non servi a niente