•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Riforma Senato, Governo ko in Commissione Passano due emendamenti sui senatori a vita

riforma senato della repubblica

Riforma Senato, in Commissione Affari Costituzionali alla Camera il governo va sotto. L’arma sono due emendamenti, identici, presentati da SeL e dalla minoranza PD. L’oggetto è la presenza dei senatori a vita nella nuovo Camera alta. Gli emendamenti cancellano la presenza dei cinque senatori di nomina presidenziale, modificando così l’art. 2 del ddl di riforma. A nulla è valso il parere negativo presentato dai relatori e dal governo: gli emendamenti sono passati con 22 voti a favore e 20 contro, con un astenuto – Andrea Giorgis, della minoranza PD.

Ora, secondo il ddl emendato, il Senato sarà formato da 100 rappresentanti, tra consiglieri regionali e sindaci. “Non c’è nessun timore per il prosieguo del percorso delle riforme, la parola finale spetta all’Aula”. Così il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi commenta il voto di oggi in Commissione Affari Costituzionali alla Camera. Un voto politico? “Il dato politico è in Aula”, aggiunge. Il responsabile delle riforme del Pd, Emanuele Fiano attacca i suoi colleghi di partito che hanno votato a favore degli emendamenti: “In politica e all’interno di un partito non si mandano mai sotto il governo e il suo capogruppo. È una questione di patti tra gentiluomini”.

renzi boschi

L’Italicum entra in vigore dal 1 gennaio 2016. Nel periodo transitorio dall’approvazione della legge elettorale alla sua effettiva validità, viene ripristinato il Mattarellum”. Così recita un subemendamento alla legge elettorale presentato oggi dai senatori del Pd Stefano Collina, Andrea Marcucci e Francesco Verducci. “Se dobbiamo proprio prevedere una clausola di salvaguardia-affermano i parlamentari- crediamo che il Mattarellum risponda perfettamente ai requisiti indicati dalla Consulta ed interpreti molto meglio l’esigenza di rafforzare la governabilità del Paese. Stiamo discutendo -proseguono- di una clausola che non scatterà, il governo Renzi ha bisogno di arrivare alla fine naturale della legislatura per verificare gli effetti delle riforme avviate. L’emendamento proposto è uno stimolo che offriamo alle forze politiche affinchè non si perda tempo e si proceda nei tempi stabiliti ad approvare riforme costituzionali ed Italicum”, concludono Collina, Marcucci e Verducci.

Ma a tuonare contro il Mattarellum arriva Il Mattinale, la nota politica di Forza Italia alla Camera: “Boschi rotea il Mattarellum sulla testa di Fi, come legge di riserva, invece del Consultellum. Altolà. Il metodo del consenso reciproco vale anche sulla clausola di salvaguardia, altrimenti è puro ricatto e salta tutto”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. beppebottero ha scritto:

    TermometroPol
    Un Paese con 630 #deputati e 315 #senatori non ha bisogno di #senatoriavita…
    matteorenzi lauraboldrini PietroGrasso

  2. nulliper ha scritto:

    TermometroPol /valy_s /barbararava(FedeSaulino/franco_dimuro . BENE , Non ho mai capito a che servano.

  3. Pingback: Italicum, cambia la legge elettorale, Ipotesi elezioni anticipate con il Mattarellum? - Termometro Politico

  4. Giovanni Villa ha scritto:

    Ancora Senato? Ma non era già fatta? Quanto penseranno alle imprese? Alle spalle di #cdp vedo il nulla http://lp.cdp.it/sostegno-imprese/index.html

Lascia un commento