•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 14 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Russia: le opposizioni europee nell’orbita di Putin

russia ue

Si compatta il fronte filorusso in Europa. I partiti europei, sia di destra sia di sinistra, populisti o meno, che sostengono la Russia di Putin rappresentano un terzo dell’emiciclo di Strasburgo secondo il The Economist. Alcuni di essi non nascondono le proprie ambizioni di governo dei rispettivi paesi, mentre altri al governo ci sono già.

Syriza

Il partito di Tsipras, anche prima di vincere le elezioni di fine gennaio, poteva vantare degli stretti legami col Cremlino. Adesso che la formazione di sinistra è al governo in Grecia, la possibilità che Atene entri nell’orbita di Mosca non appare poi così improbabile. Alexis Tsipras ha più volte criticato l’Europa sulle sanzioni contro la Russia. Durante una visita a Mosca dello scorso maggio, l’attuale premier greco ha sostenuto le elezioni tenute dai separatisti nelle regioni sud orientali ucraine, le stesse che l’Occidente ha denunciato come illegittime.

In molti collegano il riavvicinamento della Grecia alla Russia, contestuale alla crisi ucraina, al blocco delle importazioni dall’Europa attuata da Mosca: Atene avrebbe perso 430 milioni di euro, ha detto Kostas Isihos, responsabile della politica estera di Syriza, all’indomani del voto greco. Inoltre, come ha detto l’economista Jacques Sapir, intervistato da Le Figaro, “se la Grecia dovesse dichiarare default e uscire – di fatto – dalla zona euro, si può benissimo immaginare un accordo di swap tra la Banca Centrale della Grecia e la Banca Centrale della Russia per consentire alla Grecia di tornare alla sua moneta nazionale con delle riserve di valuta estera sufficienti.

russia putinPodemos

Pablo Iglesias, leader del partito anti-sistema spagnolo Podemos, ha accusato l’Occidente di usare due pesi e due misure nei riguardi della Russia e delle autorità ucraine salite al potere dopo i fatti di Maidan Nazalezhnosti: “non bisogna dimenticare che l’UE ha sostenuto un cambiamento di potere illegale in Ucraina e la scalata al governo di un partito neo-nazista – diceva Iglesias a Novembre – alcuni leader europei hanno preso parte a manifestazioni pubbliche insieme ai neo-nazisti, questo è troppo lontano dai valori europei“. Podemos al momento ha scavalcato popolari e socialisti nei sondaggi e risulta il primo partito nelle intenzioni di voto degli spagnoli.

Front National

Marine Le Pen, leader del Front National, non ha mai nascosto la propria ammirazione per Putin. A quanto pare Mosca ricambia affettuosamente. Il Front National ha già ricevuto 10 milioni di dollari per finanziare la propria corsa all’Eliseo da una banca molto vicina al Cremlino; sarebbe solo la prima tranche di una somma che dovrebbe aggirarsi intorno ai 40 milioni di dollari.

La Le Pen ha detto che le banche francesi si rifiutano di concedere prestiti al suo partito, Putin dal canto suo non vede l’ora di poter fare uno sgambetto a Francois Hollande. Il Presidente francese, dopo un vertice NATO tenutosi a Settembre in Galles, ha fatto in modo di rinviare la consegna di due portaelicotteri di costruzione francese all’indirizzo di Mosca, adducendo come motivo l’intervento occulto della Russia in Ucraina.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Alberto Rilla
Alberto Rilla

Bravi, continuate a farvi schiavizzare dalla Merkel e dalla dittatura finanziaria di Bruxelles ... ma che cazzo ... FORZA VLADIMIR PUTIN!!!

AngeloZanetti
AngeloZanetti

Io se fossi Putin aiuterei la Grecia a condizione che questa cacci dai suoi porti la flotta nato e la rimpiazzi con quella russa

Umberto Banchieri
Umberto Banchieri

sono i famosi progessisti di sinistra che guardano a destra. I così detti marroni... Più reazionari di Bava Beccaris in trip da cordite.... Almeno rispetto a Tsipras e Podemos, la Le Pen e Salvini o il Jobbik sono di estrema destra di loro, quindi i soldi di Putin son solo un incentivo.

Antonio Rossi
Antonio Rossi

Tutti gli uomini e donne di buonsenso non sono con Putin ma contro l'Imperialismo USA e i loro servi che prima ci fanno pagare l'embargo e poi vogliono la terza guerra mondiale.

Antonio Rossi
Antonio Rossi

Se una volta direte la verità vuol dire che nevica in Agosto nel Saara.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

è vero quanto puntualizzi, e lo sottoscrivo. Ma penso pure che Renzi cadrà presto sotto il peso delle sue stesse contraddizioni, e del delirio di onnipotenza che si è creato. Basta attendere pazientemente.

Alessandra Zaccari
Alessandra Zaccari

quoto il tuo intervento in pieno. L'unica cosa è che per portare Italia e Francia in quest'ottica di accordo mediterraneo bisogna prima sbarazzarsi dei servi Renzi e Hollande. Se in Francia la possibilità di vedere Marine Le Pen all'Eliseo è plausibile, in Italia invece liberarci di quel pagliaccio che ci governa richiederà molto più tempo, soprattutto per le leggi illiberali che sta imponendo.

Michelangelo Turrini
Michelangelo Turrini

Ottimo. Ritengo doveroso costruire un asse Roma-Madrid-Atene-Parigi con Mosca. Ma per farlo bisogna sganciarsi dalla Nato, sganciarsi dalla UE e dallo strapotere della Merkel e di tutti quegli apparati (Bce-Commissione Europea-FMI) che la sostengono. Solo un asse mediterranea, responsabile ed autonoma può fornire un processo di pace e giustizia in Europa. Con il preciso impegno a rendere la Russia non un paese avversario, ma un amico e alleato per tutti gli scenari politici ed economici del presente e soprattutto del futuro. Non mi interessano le questioni ideologiche, come spesso è accaduto in Italia in questi mesi, dividendoci sul fatto se fosse giusto o meno stare con la Russia o con l'Ucraina. Qui è in gioco ben altro che lo schierarsi da un punto di vista partitico. Oggi Putin rappresenta la difesa della sovranità nazionale, dell'opposizione all'imperialismo americano che ha prodotto solo impoverimento per i popoli che hanno subito l'ultracapitalismo, che hanno subito la globalizzazione economica, che subiscono le imposizioni del Nuovo Ordine mondiale capeggiato da Washington.

Lub Bardi
Lub Bardi

vomitevole propaganda nazista. fatevi una lobotomia...ci guadagneremo tutti