•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 marzo, 2015

articolo scritto da:

Jobs act, salario minimo anche per l’Italia

poletti jobs act

Dopo la Germania, con i decreti attuativi del Jobs Act il salario minimo sbarca in Italia. La soglia in questione oscilla tra i 7 e i 6 euro e mezzo l’ora. Da questo punto di vista il panorama del lavoro italiano si adegua al resto d’Europa.

Non è il reddito di cittadinanza

Bisogna ricordare che salario minimo non vuol dire reddito di cittadinanza: insomma non corrisponde alla proposta del MoVimento 5 Stelle, il pilastro del loro programma politico.

Il reddito minimo sostiene chi non ha un lavoro, il salario minimo riguarda chi il lavoro lo ha. È quella soglia di paga oraria che i datori devono rispettare. Il governo pensa di introdurla attraverso il decreto attuativo sulle politiche attive della riforma del lavoro, solamente per quei settori che non sono regolati dal contratto nazionale.

In Germania si aggira facilmente

La coalizione che guida la locomotiva europea, composta dalla Cdu di Angela Merkel, i socialdemocratici e la Csu, proprio il 1° Gennaio 2015 ha disposto l’introduzione del salario minimo ad una soglia di 8 euro e mezzo. Si è aggiunta agli altri 20 paesi dell’Unione che già disponevano di questo meccanismo – fra tutti la Francia che ha fissato il limiti a ben 9,35 euro. Ora ne mancano sei, tra cui appunto l’Italia.

Alcuni giornali tedeschi – per esempio la Zeit e la Welt – hanno denunciato la facilità con cui nel paese tedesco si possa aggirare il limite. Innanzitutto perché mancano dei controlli efficienti e poi con l’aggiunta di altre ore lavorative che non vengono segnalate. È purtroppo semplice chiedersi: succederà anche in Italia? In parte la risposta già si conosce, data l’enorme presenza del lavoro nero e dell’economia sommersa.

jobs act salario minimo

Scacco ai sindacati

Infine il provvedimento che prenderà il governo non sarà neanche apprezzato dai sindacati, in primis dalla Cgil, che vedrà diminuito il suo potere di contrattazione. Difatti ieri il segretario della Fiom Maurizio Landini ha riproposto una campagna per il referendum abrogativo su tutto l’impianto del Jobs act.

 

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

13 comments
Mimmo Pappalardo
Mimmo Pappalardo

Al momento esiste solo per i clandestini......quasi quasi vado a Lampedusa in barca.

Arcuri Adriano
Arcuri Adriano

Se si rispettano le regole ben venga , chi sgarra niente reddito per sempre, e questa la forza della proposta 5s , leggete bene la proposta poi giudicate mi sembra che sparate a caxxo , e create cinfusiine più di quella xhe fanno i fiornali di regime , i soldi ci sono basta levarli ai privilegguati della politica ,e per queato che non vogliono ,detto questo non credo che vogliano dialogare , e una mossa per far credere, che cedano al m5s , per alzare la posta su FI , il Berlusconi , tanto poi tirano il cxxo indietro come sempre.

Luca Argalia
Luca Argalia

l' Italia è un paese pieno di "furbi" che appofitterebbero in modo ignobile del reddito di cittadinanza, meglio garantire una retribuzione decente anche per i lavori piu umili

Maurizio Motta
Maurizio Motta

Appunto per quello, a questo punto eliminiamo anche gli ammortizzatori sociali...

Luca Argalia
Luca Argalia

In un paese come l'Italia non é fattibile per ragioni ovvie, al contrario il salario minimo a 7 euro l'ora é cosa sacrosanta

Luca Argalia
Luca Argalia

Il reddito di cittadinanza é una grande cazzata