•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 20 aprile, 2015

articolo scritto da:

Elezioni regionali, Renzi e il Pd puntano al 7 a 0

elezioni regionali renzi e pd vogliono 7 a 0

In vista delle elezioni regionali fissate per Domenica 31 Maggio in cui sette regioni italiane saranno chiamate a rinnovare presidente e consiglio regionali il Partito Democratico ed il premier Renzi puntano al cappotto elettorale. Le sfide saranno nelle seguenti regioni: Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia.

Il Pd renziano che anche nella composizione delle liste sembra molto ispirato all’idea del Partito-della-nazione evocato in più occasioni da Renzi ed aspira ad una vittoria schiacciante grazie alla quale pianificare il lavoro al Governo sino alla scadenza naturale della legislatura del 2018.

Regionali e rapporti di forza politici nazionali ricorrono spesso nei ragionamenti del premier-segretario che non perde occasione per ricordare agli uomini a cui ha affidato la gestione del Pd (Guerini e Lotti su tutti) la “dimensione politica nazionale” della sfida di fine maggio. Il centrosinistra, secondo molti osservatori, non dovrebbe avere sorprese in Toscana, Marche, Umbria e Puglia. Tutte da decifrare le altre tre sfide dove la partita, al momento, sembra apertissima.

In Veneto è ricandidato il presidente della regione uscente Luca Zaia sostenuto da Lega e Forza Italia. Il centrosinistra schiera Alessandra Moretti. Il terzo incomodo è Flavio Tosi, sindaco di Verona fuoriuscito dalla Lega. Il centrosinistra dopo aver scelto, tramite primarie, e con largo anticipo la sua punta di diamante Moretti spera sempre più nell’effetto Tosi per indebolire la compagine di centrodestra guidata Zaia. Il Veneto è forse la Regione più significativa anche per l’investimento politico del segretario federale della Lega Salvini che ha voluto puntare tutto su Zaia anche a costo della rottura con Tosi. Servirà inoltre al centrodestra per testare l’asse Salvini-Berlusconi.

Secondo livello di difficoltà per il centrosinistra in Liguria e Campania dove sono rispettivamente schierati i candidati alla presidenza Raffaella Paita e Vincenzo De Luca. La strada di entrambi i candidati è disseminata da molte polemiche che riguardano l’indagine a carico della candidata ligure e l’applicazione della legge Severino, in caso di elezione a presidente, per l’ex sindaco di Salerno De Luca. Il centrodestra è rappresentato in Liguria da Giovanni Toti, l’uomo nuovo di Forza Italia su cui converge anche la Lega, e in Campania dal presidente della regione uscente Stefano Caldoro che conta sul sostegno di una parte dei voti dei centristi.

elezioni regionali renzi e pd puntano a cappotto elettorale sette a zero

Strategia, bivio elezioni regionali per Renzi

Renzi dovrà decidere la strategia da adottare nelle prossime ore. Ha davanti a se’ due strade: schierare il Partito ed i suoi uomini più importanti (compresi i ministri del suo governo?) nelle regioni dove la sfida sembra più difficile oppure separare i due piani in modo da evitare ricadute sul Governo in base all’esito del voto. Perché se anziché l’auspicato 7 a 0 dovesse trovarsi alle prese con un 4 a 3 dall’1 Giugno avrà di fronte un Salvini molto più agguerrito contro il Governo e la sua leadership.

Altre possibili conseguenze del voto

Il voto avrà inevitabili conseguenze anche nei rapporti interni sia al Pd che al centrodestra. Infatti un’affermazione netta del Pd nelle singole regioni rappresenterebbe un deterrente o almeno un freno alla volontà di quanti, da sinistra, guardano con attenzione alla coalizione sociale di Landini e sarebbero tentati da ipotesi di scissione. Se il voto (in questo senso test interessanti ci saranno in Liguria e Toscana vista la presenza di candidati a sinistra del Pd) dimostrerà una scarsa attenzione da parte dell’elettorato democratico, Renzi avrà da festeggiare ancora di più.

Lo stesso vale nel centrodestra dove l’esito del voto potrà o meno incoraggiare i più insofferenti a lasciare il partito di Berlusconi con spazi di autonomia anche in Parlamento. Può accadere anche il contrario: qui molto dipenderà dai risultati di Tosi in Veneto e della coalizione a cui lavora Fitto in Puglia che dovrebbe candidare Schittulli contro la candidata del centrodestra Poli Bortone sostenuta da Forza Italia e’Noi con Salvini’.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

18 comments
Demetrio Morello
Demetrio Morello

Si e dimenticato di prendere le medicine, ci colpa Napolitano!

Adolfo Valenti
Adolfo Valenti

Nel Veneto Lega...Liguria e Campania dura...Umbria chissà

Adolfo Valenti
Adolfo Valenti

Solo 4...troppi scandali...anche se la squadra di governo paga errori di altri..tutti in toto.

Antonio Piarulli
Antonio Piarulli

anche di più,ormai hanno capito come si bara ,non li ferma nessuno.

Piero Corallo
Piero Corallo

Curioso di vedere il 41% di Renzino il bravo bambino!!

Renato Occhiuzzi
Renato Occhiuzzi

Spero proprio di no... inoltre alcuni dei loro candidati sono da nascondere...

Fabio Nardaggio
Fabio Nardaggio

Secondo me finisce 5-2... Campania e Veneto la vedo molto difficile

Pietro Berardi
Pietro Berardi

Agli avversari nemmeno le briciole? Almeno un 6-1, va'

Marco Camilleri
Marco Camilleri

secondo me ce la fanno, troppo pecore gli italiani...

Trackbacks

  1. […] Le elezioni regionali che si terranno il prossimo 31 Maggio 2015, come analizzato ieri in un nostro articolo saranno un test per tutti i partiti i leader. Sui risultati e sull’esito delle elezioni […]