•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 luglio, 2015

articolo scritto da:

Perché Renzi ha abbandonato il Pd?

serracchiani e renzi durante una direzione del pd

Il Pd di Renzi è passato dall’eclatante risultato delle elezioni europee al forte ridimensionamento alle ultime elezioni regionali e amministrative. Proprio dopo il turno di ballottaggio dello scorso 14 Giugno si era parlato di un cambio di rotta per il Partito Democratico. Cosa è successo ad mese di distanza? Niente. La situazione è migliorata? Non si direbbe.

L’organizzazione del Pd

Renzi ha incontrato la scorsa settimana i deputati per provare a spiegare loro cosa non funziona punto di vista comunicativo. E dato suggerimenti su come affrontare meglio i talk show. Nessuna azione concreta per ciò che concerne l’organizzazione vera e propria del Partito. La gestione del Pd è delegata da Renzi a tre persone: Debora Serracchiani, Lorenzo Guerini e Luca Lotti. I primi due sono vicesegretari nazionali mentre Lotti è il braccio destro del premier per conto del quale cura anche i rapporti politici.

I problemi sul territorio

Nonostante i sondaggi continuino a segnalare un Pd in calo col M5S e la Lega in crescita nulla sembra muoversi dalle parti di via Sant’Andrea delle Fratte. Nelle precedenti settimane si è ipotizzata la possibilità che a reggere le sorti del Pd potesse essere chiamata una figura nuova. Si è anche paventata l’idea dello spostamento di un ministro o di una ministra a cui affidare le sorti del Partito. Ma per ora tutto sembra tramontato.

L’impressione che si trae è l’assenza di un figura di riferimento che parli alla comunità democratica mentre si registra l’inevitabile fatica di Renzi di dover rappresentare la doppia veste di Presidente del Consiglio e segretario del Pd. Spesso, o quasi sempre, la seconda soccombe di fronte alla prima. E cosi si lasciano vuoti che producono guasti come l’assenza di figure forti e autorevoli in grado di dipanare problemi anche sui territori.

A Milano sembra andare in scena la stessa situazione che si è vissuta in Campania prima delle regionali. Là dove ha vinto De Luca creando non pochi imbarazzi a Renzi. Si aggiunga l’asse tra i governatori del sud che oggi si vedranno a Policoro per protestare contro le trivellazioni: presenti Pittella della Basilicata, Emiliano per la Puglia e Oliverio per la Calabria.

sede via santandrea delle fratte pd renzi

La prossima direzione

Sabato 18 Luglio, nei padiglioni dell’Expo, si terrà la prossima direzione del Pd. La scelta del luogo, da alcuni definita inopportuna, dimostra ancora una volta come il Pd venga vista quasi come uno strumento a supporto dell’azione del Governo. Il solco è quello del partito leggero profetizzato al Lingotto da Walter Veltroni nel 2007. Le uscite di Cofferati, Civati, Fassina sembrano non preoccupare più di tanto ne’ Renzi ne’ gli altri esponenti della maggioranza interna.

 

 

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
Rodolfo Bolla
Rodolfo Bolla

BUONANOTTE EX PD, EX PCI, EX PDS, EX DS. Poveretti voi che vi siete illusi. Il PD non è più neppure l'ombra del partito si sinistra che orgogliosamente fu. Ha perso buona parte dei suoi vecchi militanti, la sua presenza sul territorio si è ridotta ed è discutibile. Le porcherie organizzate per "vincere" la primarie ne hanno distrutto il valore democratico. Del PD si è fatto il partito di un leader. Forza Italia ha Berlusconi e il PD ha Renzi. I partiti che non si identificano più con la loro storia ma con il loro leader, seguono le sorti del leader. Se il leader ha buone idee, le sa esprimere bene e soprattutto le sa realizzare con coerenza, allora il leader vincente guadagna consensi e il partito cresce. Se il leader è superlativo nella comunicazione ma da analisi errate trae idee sbagliate, oppure spaccia le sue buone idee per acchiappare consensi ma poi mostra tutta la sua incoerenza, allora il partito fallisce, tanto quanto è un fallito il suo leader. BUONANOTTE PIDDINI.

Anna Rosaria Erriquez
Anna Rosaria Erriquez

parlate, parlate..... attenzione però ingoiate troppa aria e vi farà male......

Trevisani Giuseppe
Trevisani Giuseppe

Spataro non fare invenzioni bislacche! Di ridwbsionameto parli tu e gufi come te. La tornata elattorale ci ha dati 5 a 2, e se liguri vogliono Toti che se lo tegano: la Liguria vale un decimo di abitanti della Campania, quindi non raccpmtare frottole facilmente smentibili!

Roberto Allori
Roberto Allori

Ma perché pensate che Renzi abbia a cuore il PD??????Ahahahaha a lui interessa solo fare quello che gli hanno ordinato i suoi mandanti......Berlusconi,Marchionne Serra e tutto il resto dei poteri forti,non gli importa una beata sega del PD e dell'Italia a questo burattino.