•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 16 maggio, 2014

articolo scritto da:

Prodi “I governi hanno dato le chiavi dell’Europa alla sola Germania”

La previsione di Romano Prodi sulle prossime elezioni europee: “I partiti storici come il Pse e il Ppe saranno probabilmente obbligati a una grande coalizione, data l’ondata populistica. O adempiono alla funzione di un governo attivo dell’Europa o sarà la fine sia per il Pse sia per il Ppe”. La pensa così l’ex premier che intervistato da ‘Famiglia Cristiana’ affronta il tema delle elezioni.

“È la prima volta – osserva Romano Prodi – che i popoli dell’Europa discutono anche dell’Europa. Quelle precedenti sono sempre state in qualche modo solo elezioni nazionali, in cui si discuteva solo di problemi interni. Oggi invece il dibattito europeo è entrato nella campagna elettorale: la crisi economica ci obbliga a rapporti di collaborazione tra gli Stati membri dell’Unione“.

Secondo Prodi “l’elettore viene messo di fronte alla scelta su un futuro con o senza l’Europa” ed i governi nazionali, sovrapponendosi al ruolo della Commissione europea, hanno “dato di fatto le chiavi dell’Europa alla sola Germania“, abile a sfruttare le divisioni tra Francia, Italia e Spagna che “non hanno mai presentato una piattaforma politica comune”.

prodi

Ora, sottolinea “il problema non è cambiare moneta ma cambiare politica. La crisi europea è conseguenza di una politica economica sbagliata, basata sul rigore, anziché sullo sviluppo» e non è possibile tornare indietro, verso nazioni o addirittura regioni: “il mondo è cambiato”. Prodi non ha dubbi: “O l’Europa reagisce unita a questi processi o mai più. Per l’Europa è l’ultima occasione. Se l’Europa non è in grado di governare la globalizzazione, siamo finiti“.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: