•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 giugno, 2014

articolo scritto da:

PD, parte la resa dei conti dopo il ballottaggio Si riaccende il fronte della minoranza

nuova segreteria pd presentata da renzi

È durata poco la luna di miele fra la minoranza storica e l’ala renziana del Partito Democratico. La vittoria con il 40% alle europee del 25 maggio aveva ammutolito qualsiasi voce di dissenso all’interno del partito, consegnando a Renzi i comandi della nave. Ora, il risultato dei ballottaggi di domenica, nei quali il Pd ha vinto, perdendo però nelle “roccaforti rosse” di Livorno, Perugia e Padova, riaccende i dissapori fra vecchia e nuova guardia del partito.

La resa dei conti è fissata per questo fine settimana, sabato, quando nella riunione della direzione nazionale il segretario Renzi annuncerà la nuova composizione della segreteria a gestione unitaria. Un appuntamento a cui bersaniani, cuperliani e civatiani arriveranno armati per fronteggiare il no categorico del segretario alla nomina di vecchi esponenti già presenti nella segreteria di Pierluigi Bersani, da Nico Stumpo e Matteo Orfini. In forse anche la nomina del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, alla presidenza del partito.

Ma è proprio il leader Pd, in visita istituzionale ad Hanoi, in Vietnam, a tranquillizzare i suoi e gettare acqua sul fuoco: anche se a Livorno e in altre città storiche “si è oggettivamente perso” commenta Renzi “finisce comunque 20 a 1 per noi. Altro che frenata!” conclude il segretario dem. Difficile stabilire se sul voto abbia pesato lo scandalo Mose o il fisiologico calo dell’affluenza in un appuntamento come quello dei ballottaggi. Sta di fatto che il Pd perde nelle cosiddette “roccaforti”: settant’anni di dominio della sinistra interrotti a Perugia e Livorno consegnata a mani basse ai cinquestelle, con il nuovo sindaco Nogarin. “Il risultato negativo si è verificato nelle città dove il Pd non si è rinnovato” ha commentato il renziano Dario Nardella.

Pd, Renzi

Un’interpretazione del voto, quella del neo sindaco di Firenze, che sintetizza la posizione dell’area renziana all’interno del partito e che segue la linea dettata da Renzi: “il voto di domenica – ha commentato il premier – segna la fine delle posizioni di rendita elettorale. È finito il tempo in cui qualcuno sa che in quel posto si vince di sicuro” ha tranquillizzato il segretario dem.

Parole, quelle di Renzi, a cui fanno eco quelle della vice-segretaria nazionale, Deborah Serracchiani: “A Padova, Livorno e Perugia, il Pd non è stato capace di intercettare l’ esigenza di cambiamento”, ha commentato in un’intervista al Messaggero la governatrice del Friuli-Venezia Giulia. Ottimista l’esponente dem che ricorda comunque che “tutti i numeri indicano un aumento netto del nostro risultato”. “Il segretario Matteo Renzi farà un’articolata relazione in cui analizzerà il voto – ha annunciato Serracchiani – Di certo, come ci intestiamo i risultati che segnano ovunque il nostro avanzamento, ci prendiamo la responsabilità delle sconfitte: a Padova, Livorno e Perugia bisognerà fare una riflessione che coinvolga i partiti locali. Perchéuna cosa è sicura: devono invertire la direzione di marcia” ha concluso.

L’analisi della vice-segretaria Pd arriva dopo il commento a caldo del collega, il  renziano Lorenzo Guerini: “La netta vittoria alle amministrative è merito di tutto il Partito Democratico. Così come tutto il PD rifletterà e si confronterà sui pochi casi in cui il risultato non è stato soddisfacente”, così aveva commentato Guerini i risultati dello spoglio di domenica. “I numeri non mentono: abbiamo conquistato 160 comuni sopra i 15000 abitanti, 32 in più rispetto a prima e siamo passati da 15 a 19 capoluogo di provincia. In particolare abbiamo preso tutto il Nord” ha spiegato il vicesegretario che ha concluso: “Se non è vittoria questa! Il resto sono chiacchiere”.

Numeri, cifre e risultati su cui si è riaperto il dibattito, fuori e dentro il Pd, e che di certo non rendono più sereno il cammino del segretario Renzi. La necessità maggiore è tenere compatto il partito, soprattutto in vista dell’appuntamento estivo con le riforme istituzionali: pubblica amministrazione e legge elettorale le priorità.

Carmela Adinolfi

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Francesco Passeri ha scritto:

    qualcosa si deve pur scrivere…

  2. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Chi vive nostalgicamente, a casa!

  3. Rende Liberi La Verità ha scritto:

    Barbara Spinelli (del PD) dimettiti la tua onesta intellettuale è pari a zero , hai rubato il mio voto mentendo ! Forza Sinistra Ecologia Libertà !!

  4. Mimmo Ristori ha scritto:

    Malumori dopo un’altra vittoria? Vogliamo proprio farci del male!

  5. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Sono vent’anni che questi qui se/ce ne stanno facendo, no?

  6. Mimmo Ristori ha scritto:

    Dammi un’altra scelta!

  7. Angela Pagliaro ha scritto:

    Ma dobbiamo per forza essere masochisti ? Tacere , una volta tanto, no eh ?

  8. Francesco Triglia ha scritto:

    Renzi e’ il Delfino di Berlusconi …….. ma non si deve sapere !

  9. Piero Bazzoni ha scritto:

    Ma che cavolo vogliono, abbiamo perso dove erano candidati i Bersaniani.

Lascia un commento