•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 27 giugno, 2014

articolo scritto da:

Vertice Ue: tensione tra i leader europei sulle regole e sui nomi

Le indiscrezioni filtrate da Ypres, in Belgio, raccontano un vertice dei leader europei teso, pieno di ostacoli, dove gli accordi sono ancora tutti da trovare: sia sui nomi per le poltrone che contano, sia sulle regole da dare all’Europa.

Cara Angela, noi rispettiamo e rispetteremo il Patto: non faremo come la Germania nel 2003”: Matteo Renzi si sarebbe rivolto così alla cancelliera tedesca, riferendosi all’anno in cui la Germania chiese e ottenne uno sforamento sul tetto del 3 per cento. Un momento di tensione, hanno spiegato fonti europee, subito stemperato.

Ha scritto l’Ansa che Renzi vuole portare in Europa la sua ricetta: rispetto delle regole ma anche flessibilità per aiutare le famiglie, favorire la crescita e rimettere in moto l’occupazione. In concreto, il premier italiano vuole tenere fuori dal calcolo del deficit il cofinanziamento dei fondi Ue e le risorse per il pagamento dei debiti alla Pubblica amministrazione e insieme vuole ottenere più flessibilità a patto di procedere con le riforme. Su questo dovrebbe aver trovato consensi. In ogni caso, è alle regole che Renzi intende vincolare il suo via libera alla nomina di Jean-Claude Juncker alla carica di presidente della Commissione europea.

vertice

Il premier inglese David Cameron, che più di tutti si è speso per bloccare Juncker, ha ribadito la sua intenzione: andare alla conta, fatto inedito nella storia delle istituzioni europee. Merkel, da parte sua, ha ripetuto di non temere un epilogo del genere ma allo stesso tempo si è mostrata disposta a discutere le riforme che Cameron chiede circa le politiche europee. Secondo la Reuters, il risultato della votazione potrebbe essere un inequivocabile 26 a 2, dove i due sarebbero appunto Cameron e il primo ministro ungherese Viktor Orban. Quella di oggi, dunque, sarà quasi certamente la giornata di Jean-Claude Juncker. Ma rischia anche di essere uno spartiacque nel rapporto tra Londra e Bruxelles.

Per le altre nomine occorrerà aspettare, anche se Renzi è a caccia di una intesa politica che metta la squadra di governo dell’Europa il più possibile al sicuro dai rischi che potrebbero emergere nelle prossime settimane. Roma continua a puntare su Federica Mogherini per la carica di Alto rappresentante della politica estera e di sicurezza dell’Unione. Lei per ora continua a ripetere le stesse parole: “È un’ipotesi, c’è una discussione in corso, vediamo come evolve”.

Ma ci potrebbero essere sorprese. L’Ansa riporta le voci secondo le quali l’Italia punterebbe all’Eurogruppo, proponendo il nome del ministro Padoan. E poi c’è Enrico Letta, tornato ieri in corsa (almeno secondo la stampa) per il ruolo di presidente del Consiglio europeo.

Per avere tutti i nomi nero su bianco si dovrà attendere fino a metà luglio. Lo ha annunciato il capo del governo irlandese Enda Kenny: “Ci sarà un altro summit il 17 luglio, ovvero il giorno dopo che il Parlamento europeo avrà proceduto al voto di fiducia del nuovo presidente della Commissione europea”. Fino a quel momento, i giochi non possono essere considerati fatti.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: