•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 agosto, 2014

articolo scritto da:

La Confcommercio smonta il bonus 80 euro: “Effetto invisibile sui consumi”

Il bonus 80 euro? Nessun effetto sui consumi. E’ questo il drastico resoconto presentato da Confcommercio a proposito dell’effetto del bonus Irpef concesso dal governo Renzi come azione di stimolo per i consumi. I quali risultano drammaticamente fermi.

CONSUMI AL PALO – Secondo Confcommercio l’effetto del bonus 80 euro “è quasi invisibile”. E i dati snocciolati sembrano confermarlo: le vendite al dettaglio a giugno sono cresciute dello 0.1% rispetto al mese precedente e dello 0.4% rispetto a un anno fa. Dati ancora una volta inferiori rispetto alla media europea, certificata dall’Eurostat al +0.4 su base mensile e addirittura +2.4 rispetto a giugno 2013.

QUADRO ECONOMICO PREOCCUPANTE – Duro il giudizio della Confcommercio a proposito del bonus 80 euro: “E’ troppo poco rispetto alle attese, sono segnali positivi, ma straordinariamente deboli e insufficienti per affermare che la domanda delle famiglie sia giunta ad un incoraggiante punto di svolta”. Ciò delinea il permanere di “un quadro economico privo di una precisa direzione di marcia, situazione che dopo un lungo ed eccezionale periodo recessivo non può non preoccupare molto”. Come conferma arriva anche il peggioramento registrato a luglio dal clima di fiducia delle famiglie, che è “il secondo consecutivo, sintomo del permanere di uno stato di disagio caratterizzato dalla dominanza dell’incertezza per il futuro rispetto agli effetti reali di un maggior reddito disponibile”.

eurostat-cc

IL DETTAGLIO – Entrando nel dettaglio delle cifre proposte da Confcommercio, cresce dell’1% la domanda di servizi, a differenza della spesa per i beni che la cui variazione risulta pressoché nulla rispetto a 12 mesi fa. Variazioni positive rispetto a giugno 2013 invece sulla spesa reale in beni e servizi per le comunicazioni (+3,8%) e per gli alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (+1,1%). Contenuta invece la crescita per i beni e servizi per la persona (+0,8%) e per gli alimentari, bevande e tabacchi (+0,5%). In controtendenza invece i beni e servizi per la mobilità (-1,1%), l’abbigliamento e le calzature (-1,1%) e i beni e servizi per la casa (-0,8%).

EUROZONA IN CONTROTENDENZA – La conferma dello scarso impatto del bonus 80 euro arriva anche dalle cifre dell’Eurozona. Oltre alla cifra sui consumi, è in crescita anche il commercio al dettaglio sia nella zona euro (+0,4%) che nella Ue-28 (+0,3%), che su base annuale diventa rispettivamente un +2,4% e +2,5%. Salgono le vendite di alimentari e tabacco (+0,5% nella zona euro e nella Ue-28), mentre sono in calo quelle di auto (-0,1%).

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

11 Commenti

  1. Pierpaolo Varriano ha scritto:

    la confcommercio è un sindacato datoriale, il fatto che si tenti di spostare la fiscaità generale dal lavoro ai consumi non gli crea di certo piacere, si mettessero in gioco è l’europa che lo chiede! BOTTEGAI!

  2. Perini Luigi ha scritto:

    se fosse per la confcommercio gli 80 € direttamente a loro e, soprattutto, per la loro attività, niente scontrini, fatture e quindi tasse. E Termometro politico non può non “tifare” pèer loro…

  3. Riccardo Demaria ha scritto:

    Proporrei alla Confcommercio di andare a dirlo a tutti gli 11 milioni di lavoratori che percepiscono gli 80 euro. Forse sarebbe piu’ utile che chiedessero ai loro associati di pagare le tasse giuste, e non di dichiarare meno dei loro dipendenti.

  4. Giancarlo De Luca ha scritto:

    che risposta da italiota

  5. Riccardo Demaria ha scritto:

    Cosa vuol dire risposta da italiota ? Mi sembra di sentire il comico genovese…………..

  6. Enrico Ratti ha scritto:

    Vero! Siamo in recessione!

  7. Paolo Minioni ha scritto:

    ma quando davano 5 – 6 euro al mese di rinnovo del contratto la confcommercio cosa diceva?…

  8. Maria Damaso ha scritto:

    se li avessero dati ai veri poveri li avrebbero subito spesi. Li ha presi una che conosco che, con lo stipendio del marito, incassa 4.000 euro al mese. Sono i pasticci di Renzi paragonabili all’ ICI di Berlusconi

  9. Pingback: Quanto dureranno gli 80 euro? 1 - Termometro Politico

  10. Pingback: Quanto dureranno gli 80 euro?

  11. DambraRuggiero ha scritto:

    questi signori piangano sempre,da quando sono nato non mai sentito una parola che va bene?signori svegliatevi dal turpore?cominciate a lavorare,e’ non criticare sempre la pappa col pomodoro e’ fintita per tutti?siamo diventati tutti bravi a mangiare alle spalle degli altri

Lascia un commento