•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 29 gennaio, 2009

articolo scritto da:

Trova l’escluso

Berlusconi

Non è passata che una settimana dall’insediamento di Obama alla Casa Bianca, ma il nuovo presidente ha già fatto parlare di sé. Per le prime decisioni su Guantanamo, l’ambiente e l’economia, da una parte. E per i primi contatti internazionali, dall’altra.

Obama durante il discorso di Berlusconi al Congresso USA, nel 2006

[ad]In rapida successione, il presidente USA ha parlato con i protagonisti della scena politica mediorientale (il presidente egiziano Mubarak, il presidente dell’Autorità palestinese Abu Mazen, il premier israeliano Olmert, il re saudita Abdullah, quello giordano Abd Allah); con i Paesi confinanti (ha incontrato il presidente messicano Calderon e ha telefonato al primo ministro canadese Harper); con l’ONU (il segretario generale Ban-Ki Moon); con la Russia (ha telefonato al presidente Medvedev); con gli alleati europei (Sarkozy, Brown, Angela Merkel). E’ notizia di oggi il colloquio con il primo ministro australiano Rudd e il presidente colombiano Uribe.

Inizia a definirsi, intanto, la scaletta dei viaggi internazionali che il presidente americano compirà in questo primo anno di mandato: rispetterà la tradizione destinando la prima trasvolata al frontaliero Canada (il 19 febbraio), poi si recherà a Londra per il G20 (aprile) e da qui si sposterà al vertice NATO franco-tedesco di Strasburgo-Kehl e forse al summit UE di Praga, per poi visitare le capitali europee Parigi e Berlino. Probabile, subito dopo, una trasferta a Mosca. Povero Silvio. Non una chiamata, non un sms, neanche un’email dal Blackberry presidenziale.

Deve limitarsi a esprimere soddisfazione per il dialogo Obama-Medvedev, che, come era evidente ai più, non hanno certo bisogno del pontiere di Arcore per parlarsi. E il nostro premier era già stato snobbato nel primo giro di telefonate seguito alla vittoria elettorale del candidato democratico a novembre. Sin da allora si era subodorato che i rapporti tra Obama e Berlusconi, e ben prima della gaffe sull’abbronzatura, non fossero idilliaci: [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=WiYppEt5QSY&fmt=18] Per di più, Obama aveva tagliato fuori l’Italia dell’ultrasettantenne tinto, chiacchierato passacarte di George W. Bush, dal giro europeo della scorsa estate.

Resta il G8 di luglio in Sardegna, quando il nostro premier potrà finalmente accogliere Apicella, le gemelle dell’Isola dei famosi e il presidente americano nel solarium sul terrazzo di Villa Certosa. E regalare a tutti un tubetto della crema abbronzante extra dark che usa lui. Sempre che a quel tempo ci saremo ancora, nel G8.

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
MarcoOrsoGiannini1
MarcoOrsoGiannini1

Nel 2013 prima del voto i sondaggi davano M5S al 15% massimo. Monti al 18% minimo e il PD oltre il 35%. Se scrivete su google SFIDA AI SONDAGGISTI PARTE 3 vedrete che io a 2 giorni dal voto diedi i veri risultati. Adesso cercate SFIDA AI SONDAGGISTI 2014 e nei commenti (nei commenti!) vedete che di nuovo, alla fine, io sono mesi che do i veri valori mentre i sondaggisti si svegliano ora (e ancora in modo parziale continuano a sottostimare).

M5S e PD appena sotto il 30%
Oppure:

http://spread-politica-economia-massoneria.blogspot.it/2014/02/sfidaaisondaggisti2014parte1.html

Bufera EXPO Greganti sul PD comporterà emorragia di voti,....se i media ne parleranno...