•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 12 settembre, 2012

articolo scritto da:

Sondaggio IPSOS/Ballarò. Il Pdl si avvicina al Pd, stabile Grillo

dopo favia sospeso dal m5s anche defranceschi

Sondaggio IPSOS/Ballarò. Il Pdl si avvicina al Pd, stabile Grillo

 

Con la ripresa dei Talk Show televisivi ritorna il consueto appuntamento con i sondaggi di Pagnoncelli, realizzati da Ipsos e pubblicati durante Ballarò su Rai 3.

Il primo sondaggio dell’anno non rivela una netta discontinuità con le ultime rilevazioni di Giugno. Tuttavia qualcosa si muove.

LISTA %
PD 25,4
PDL 21,9
M5S 17,9
IDV 7,5
UDC 6
SEL 5,9
LEGA NORD 4,6
FDS 2,3
FLI 2,3
LA DESTRA 1,8
ALTRI 4,4

Le maggiori preoccupazioni sembrano riguardare sopratutto il centro-sinistra che, secondo molti sondaggi potrebbe vincere le prossime elezioni. In particolare due elementi sembrano giocare contro la coalizione dei progressisti: la riduzione del gap tra Pd e Pdl e il rischio di un accordo tra Pdl e Udc su una legge elettorale a svantaggio del partito di Bersani.

[ad]Inoltre l’incertezza sulle alleanze, le primarie e il sostegno al governo Monti sono elementi “di contesto” in grado di minare le certezze di vittoria del gruppo dirigente del centro-sinistra.

Per quanto riguarda gli altri partiti, rispetto a Giugno, non registriamo significativi cambiamenti: L’Idv risulta essere il primo partito alla “sinistra del Pd”, mentre il Movimento di Beppe Grillo rimane vicino al 18%.

Il M5S, secondo il sondaggio Ipsos non sembra quindi scontare, in termini di consensi, la polemica tra Favia e Grillo (e Casaleggio). Nonostante tutto è presto per misurare un tale effetto; le polemiche sono certamente destinate a continuare anche perché i media non abbasseranno di certo i riflettori sui problemi di democrazia interna al movimento. Da osservatori non possiamo fare a meno di dire che, in altri articoli, avevamo sottolineato il rischio di una crisi democratica interna al movimento e sopratutto del pericolo di affrontare questi problemi (comune a tutti le organizzazioni, movimenti e partiti) senza percorsi definiti e organi predisposti affidandosi, magari, a polemiche sul web e a fatwe più o meno velate lanciate contro rappresentanti e militanti locali.

Un’ultima riflessione riguarda la costruzione delle alleanze che sembra ancora un argomento oscuro. Anche nelle ultime settimane politici e commentatori hanno affrontato il tema della legge elettorale e quindi della costruzione delle alleanze; l’ex premier D’Alema, ad esempio, è convinto che, in tutte il mondo, le alleanze tra i partiti si costruiscano dopo il voto e non prima. Teoria singolare, che ha avuto storicamente l’unico effetto di trascinare l’Italia nel limbo dei governicchi.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
Cittadino Onesto332
Cittadino Onesto332

quanto i leader politici stanno fuori dal mondo...si litigano Monti...ma non sanno che il popolo li condannerà soronamente chi appoggia il banchiere sanguisuga,,,il popolo non perdona...fini e casini con percentuali da ridere vogliono dettare le condizioni...ma mi facciamo il piacere di andare a casa....

Davide
Davide

La piattaforma web del M5S è stata realizzata.Vanno ancora discusse alcune problematiche ma la crisi democratica all'interno del M5S si è dimostrata una bufala. E' vero che c'è una crisi democratica ma nei partiti tradizionali;non certo nel M5S.

Filippo Mangione
Filippo Mangione

non credo che questi partiti che appoggiano il govero monti siano olrte il 20%

Filippo Mangione
Filippo Mangione

non credo che chi appoggiano questo governo superi il20%

Chiava Tore
Chiava Tore

il problema è proprio la democrazia interna..  Se si introduce il voto all'interno di un partito o di un movimento si favorisce l'infiltrazione del denaro nelle zone d'ombra.. in questo modo hanno diritto di voto anche quelli che si fanno corrompere, i furbi, gli infiltrati, quelli che si fanno raggirare eccetera