•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 25 ottobre, 2012

articolo scritto da:

Rassegna Stampa TP: Passo indietro di Berlusconi, governo battuto sugli esodati

Oggi i maggiori quotidiani nazionali danno ampio spazio al passo indietro dell’ex premier Silvio Berlusconi che in una nota annuncia: “Non mi ricandido per amore del Paese. Ora serve una competizione serena e libera per un’investitura dal basso”. Il Cavaliere ufficializza in questo modo la sua volontà di non candidarsi e ipotizza per il 16 dicembre la data in cui si svolgeranno le primarie del Pdl. Il segretario della Lega Maroni, plaude al passo indietro di Berlusconi: “Un atto di generosità, ora si aprono nuove prospettive”, freddo Pier Ferdinando Casini mentre il leader del Pd, Bersani commenta: “Prendono la strada indicata da noi”. Il Corriere della Sera rivela il progetto del Cav: “Monti bis e partito ad Alfano”. Il Giornale spiega che la decisione di lasciare “era stata presa già un anno fa dopo l’amaro vertice di Bruxelles”. Secondo Repubblica, a convincerlo a lasciare sono stati Confalonieri e Letta: “Devi lasciare o saltano le aziende”. Ora parte la corsa alle primarie: “Dal segretario alla pasionaria. Parte la corsa” titola il Corriere. La decisione di Berlusconi è stata commentata da tutti i giornali. Il Giornale titola con un nostalgico “Arrivederci”. L’elefantino sul Foglio elogia il passo indietro dell’ex Premier: “Grande uscita di scena”. Libero attacca: “Sotto a chi tocca”. La Stampa parla invece di “ultima puntata della Silvionovela”. Repubblica va giù dura: “La disfatta di una politica” e “Il manifesto finale del re senza trono”. Avvenire parla di “passo avanti” del centrodestra mentre l’Unità commenta “ora la destra è alla prova”. Ironico Travaglio sul Fatto Quotidiano20 anni di improntitudine”. Il Sole 24 Ore vede nell’uscita del Cavaliere la “possibilità di riunire i moderati”.

Da leggere:

Il Giornale: Faccio un passo indietro per amore dell’Italia e lascio il Pdl in mano ai giovani (scritto da Silvio Berlusconi)

 

[ad]Altro tema di giornata che i quotidiani trattano è il passo falso subito dal governo alla Camera. Alla Commissione lavoro l’esecutivo va sotto sugli esodati. E’ infatti passato un emendamento che allarga l’ombrello di intervento a protezione di quei lavoratori che corrono il rischio di rimanere senza pensione e senza lavoro. Per finanziare l’intervento verrà applicata una tassa di solidarietà sui redditi più alti ( prelievo del 3 per cento sui redditi oltre i 150 mila euro lordi). Governo contrario. Il Corriere titola: “Tassa sui ricchi per gli esodati debito pubblico record al 126 per cento”. Repubblica rivela: “Via dal lavoro con le vecchie regole anche chi avrà i requisiti entro il 2014”. Il Sole 24 Ore invece annuncia: “Monti apre sul cuneo fiscale”.

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento