•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 dicembre, 2012

articolo scritto da:

Ppe con Monti, Pse con Bersani. Il nuovo ruolo dei partiti europei

ppe mario monti

[ad]Da ieri il dibattito politico si occupa dell’indicazione del PPE (Partito Popolare Europeo) di appoggiare la candidatura di Mario Monti per i moderati, scavalcando di fatto Silvio Berlusconi e facendo gridare allo scandalo e all’ingerenza sia i giornali di centro-destra che alcuni esponenti politici anche non particolarmente vicini al Cavaliere come l’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti ieri a Servizio Pubblico.

Ma davvero si tratta di ingerenza? Analizziamo la situazione.

I partiti politici europei sono tra i grandi incompiuti del processo di integrazione europea: organizzazioni più simili a vertici di coordinamento, organizzativamente scollegati dai gruppi parlamentari del Parlamento Europeo (anche se questi ultimi vi fanno riferimento), in questi ultimi anni stanno cominciando ad avere un ruolo sempre più importante nei processi decisionali non solo a livello dell’Unione ma anche in decisioni interne.

ppe mario monti

In ottica europea i primi a rompere gli indugi furono i deputati del PPE che, forti di una maggioranza politica nel 2004, pretesero di indicare come Presidente della Commissione un personaggio che venisse dalle fila del partito che si era aggiudicato la maggioranza dei voti, come infatti fu Josè Maria Barroso.

Un ulteriore passo in un’ottica “federalista” lo fece poco più di un anno fa, il 24 e 25 Novembre, il PSE (Partito Socialista Europeo) che decise di indicare alle prossime elezioni europee un candidato Presidente della Commissione  comune, decisione che ha portato anche altri partiti europei a riflettere se fare altrettanto.

E a livello nazionale? Questo processo di “federalizzazione” non poteva non avere riflessi anche di tipo “top-down”.

A rompere gli indugi fu Angela Merkel quando, in nome della comune “militanza” nel PPE, dichiarò a fine gennaio di appoggiare la candidatura alle presidenziali di Nicolas Sarkozy ritenendolo “l’uomo giusto per la Francia”; in seguito a questa dichiarazione, Hermann Groehe, segretario della CDU (il partito della Cancelliera tedesca) dichiarò che era un appoggio naturale spiegando che la politica europea è sempre più interconnessa. Dello stesso tenore il sostegno di Hollande e del SPD alla candidatura di Bersani in Italia.

Veniamo ai giorni nostri: dopo le dichiarazioni esplicitamente anti-europeiste che Silvio Berlusconi esterna continuamente, dopo un accordo pluriennale di ferro con una forza apertamente anti-europeista come la Lega Nord, poteva il PPE rimanere in silenzio? Il presidente del gruppo del PPE On. Joseph Daul ha dichiarato “la mia visione, libera da ogni influenza esterna, dell’attuale situazione politica in Italia riflette la posizione del Gruppo PPE ed è basata sui valori dei padri fondatori dell’Europa. Il Gruppo PPE è sempre stato in prima fila nella promozione di una maggiore integrazione europea, della solidarietà e dell’unità” e ancora “non supportiamo coloro che non dicono la verità ai propri cittadini cercando di guadagnare voti con promesse vuote e populiste”: dopo questa dichiarazione non ci si può meravigliare della reazione ostile nei confronti di Berlusconi e il successivo endorsement a Monti è quasi naturale e logico.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: