•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 3 maggio, 2013

articolo scritto da:

Presidenza Convenzione, è scontro tra Pd e Pdl

Pochi giorni fa erano state le polemiche sull’Imu a far traballare il già pericolante governo Letta. Oggi invece a minare le basi dell’esecutivo di Pd – Pdl è la guida della Convenzione per le riforme che dovrà essere pronta entro fine maggio. Il tema del contendere è infatti la personalità che dovrà guidare questo importante organismo. Berlusconi ai suoi aveva detto di essere pronto a candidarsi.

[ad]Nel Pd però in molti hanno storto il naso a cominciare da Matteo Renzi. “Ora non esageriamo, un conto è fare un governo con il Pdl perchè non ci sono alternative, altro è dare la Convenzione a Berlusconi” ha dichiarato il sindaco di Firenze consapevole del fatto che un’eventuale nomina del Cavaliere cementificherebbe l’attuale esecutivo mandando in fumo i suoi piani politici. Sull’argomento è poi entrato duramente anche il neo viceministro all’Economia e deputato Pd, Stefano Fassina che, intervistato dal Tg3, ha affermato: “Dobbiamo trovare una figura in grado di dare garanzie a tutte le forze politiche rappresentate in Parlamento e temo che il senatore Berlusconi non sia fra questi”. Tesi condivisa anche da Luciano Violante “Anche il ministro delle Riforme è del Pdl. È bene che non ci siano esponenti dello stesso partito nel governo e alla guida della Convenzione”.

stefano-fassina

Parole a cui ha replicato Fabrizio Cicchitto: “Non condividiamo alcune osservazioni di Violante sulla Convenzione in primo luogo la Convenzione, per essere politicamente incisiva e significativa, deve essere composta in larga parte da parlamentari, altrimenti rischia di risolversi in un esercizio accademico. In secondo luogo – ha concluso l’esponente Pdl – la presidenza della Convenzione deve essere attribuita a un’autorevole personalità del centrodestra anche perché tutte le cariche di rilievo politico istituzionale sono state ricoperte da esponenti della sinistra e addirittura, per quello che riguarda la presidenza della Camera, da un esponente della formazione di sinistra”. Più duro è stato il commento del senatore Pdl Altero Matteoli. “Renzi, e non solo lui nel Pd, si agita sulla presidenza della Convenzione per le riforme e pone veti su una eventuale presidenza Berlusconi. A parte che i veti politici preconcetti sono inaccettabili su chicchessia ed in particolare lo sono sul leader del Pdl e se messi davvero in atto porterebbero dritti al voto anticipato, Renzi è candidato a diventare presidente dell’Anci in sostituzione di Delrio. Allora che facciamo – chiede Matteoli – poniamo anche noi del centrodestra il veto sul candidato Renzi?”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: