•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 20 maggio, 2013

articolo scritto da:

Spunta il sole sulla Grecia

sole grecia economia greca segnali di ripresa

Grecia: spiragli di luce sul fronte dell’economia greca. Dopo anni di crisi economica e sociale durissimi, l’essere stato additato come un paese inaffidabile arrivano i primi riconoscimenti internazionali per gli sforzi fatti da Atene.

[ad]Solo qualche giorno fa Fitch, una delle più accreditate agenzie di valutazione del credito al mondo, ha alzato il rating del debito pubblico greco da CCC a B –  a conferma dei progressi fatti e di scenari più luminosi.

Un segnale di fiducia importante da parte degli organismi finanziari fondamentale per riguadagnare credibilità sui mercati internazionali.

Premiata una sostanziale affidabilità dimostrata da Samaras e dal suo esecutivo, il consolidamento durissimo delle finanze pubbliche, qualche indice economico positivo e una serie di riforme strutturali già partite.

In verità già dai mesi scorsi qualche timido segnale di speranza si era intravisto sul fronte ellenico: il rendimento dei titoli di stato greci si è ridotto di un terzo in un anno e l’Europa ha concesso due nuove tranche di finanziamento necessari per ossigenare le asfittiche casse greche.

Ha contribuito, certamente, lo sgretolamento del fronte del rigore tedesco tanto inviso ai greci. Secondo alcuni ha concorso in positivo anche la situazione drammatica di Cipro con gli sviluppi noti. L’attenzione dell’Europa si è concentrata su Nicosia e grossi capitali sarebbero migrati dall’isola cipriota alle banche di Atene. Il governo Samaras è soddisfatto di queste liete notizie provenienti dai mercati e predica fiducia per il prossimo futuro: la ripresa è vicina, già dal 2014 potrebbe vedersi qualche segno più sul mercato interno.

La situazione sociale tuttavia resta difficilissima, con una disoccupazione ai vertici storici,  tassi di inoccupazione per i giovani che si affacciano al mercato del lavoro spaventosi e larga fetta della popolazione che vive sotto la soglia di povertà. Il Pil è in continuo calo segno di un mercato interno debole.

Il turismo ricomincia a trainare, sono già migliaia le prenotazioni per l’estate ormai alle porte e il paese resta una meta gettonata anche fuori dall’Europa. Buoni segnali arrivano anche dagli investimenti esteri, sfruttando una particolare fiscalità agevolata tante multinazionali  hanno manifestato interesse a spostare parte dei propri business sull’isola.

La Grecia e i greci per il prossimo futuro non potranno contare più su un mercato del lavoro che si è basato fino ad ora quasi esclusivamente  sulla burocrazia statale e un sistema industriale debole e poco competitivo. Bruxelles mantiene un occhio vigile su Atene pronta a accanirsi con la scure se non dovessero essere mantenute quelle promesse fatte all’Europa. Insomma un cauto ottimismo in un quadro che resta comunque fosco, l’estate alle porte in Grecia sarà un po’ più luminosa.

di Paolo Fidanza

Ha collaborato anche  Τζούλια Μουρατίδου

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Nicolò
Nicolò

bella notizia, solo che forse il mondo non si rende conto dove siamo arrivati. Si guarda quante "A" o "B" ha una pagella, costruita da una delle tre società private che determinano il destino di investimenti di miliardi di euro (istituzioni private S&P Fitch e Moody's, non istituzioni europee pubbliche). E poi ti dicono che il paese attira investimenti, grazie a politiche fiscali convenienti, modo gentile per dire che sono dei mezzi paradisi fiscali, vedi Apple, Microsoft e Google in Irlanda o Amazon in Lussemburgo. Il problema dell'informazione è che non dovrebbe solo dettare una notizia ma dire cosa c'è sotto, in che situazione versano questi paesi, bisogna dire che Alba Dorata è un partito Nazista che sta crescendo a dismisura. Disgustato, da questa politica neoliberista, ultraliberista e garantista del mondo finanziario, delle lobby e degli oligopoli mondiali.