•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 28 maggio, 2013

articolo scritto da:

Astensionismo dilagante

astensionismo dilagante elezioni amministrative comunali

Astensionismo: nella solita ressa delle dichiarazioni post voto di pseudo-vincitori e sicuri sconfitti, a colpire sarà soprattutto il silenzio, imbarazzante e preoccupante, del primo partito uscito dalle urne (primo non solo a Roma, ma in tutta Italia). Il partito degli astensionisti: di chi, a votare, non è proprio andato.

[ad]Un partito in forte, spaventosa crescita: a questo turno di amministrative ha votato solo il 62,38% degli aventi diritto, contro il 77,12% del turno precedente, un impressionante calo di dodici punti percentuali.

A Roma, dove si svolgeva lo scontro più importante e sentito, quello che vedeva contrapposti, tra gli altri, il sindaco uscente Gianni Alemanno ed il candidato “ribelle” del Pd Ignazio Marino, un elettore su due ha disertato i seggi. Ha votato solo il 52,80%, contro il 73,66% del 2008. E in tre Comuni del Sud Italia le elezioni sono state addirittura dichiarate nulle a causa del mancato raggiungimento del quorum.

Come a Roccaforte del Greco (Rc), dove a votare c’è andato solo l’11%, poco più di un elettore su dieci. Dati e numeri preoccupanti (mitigati in parte dall’ “effetto traino” del 2008, quando si votò in contemporanea con le politiche), veri e propri campanelli di allarme che arrivano da una cittadinanza sempre più stanca e disaffezionata, in fuga dalla politica, dalle sue logiche e dai suoi riti spesso incomprensibili.

Un’altra sberla alla classe politica italiana, dopo il terremoto elettorale dello scorso febbraio che ha sinistrato Pd e Pdl, con una preoccupante novità in più: il flop, evidente e innegabile, del Movimento Cinque Stelle, precipitato a livelli lontani anni luce dal boom delle politiche di febbraio, e rimasto fuori da tutti i ballottaggi. Un tonfo simile non può essere giustificato soltanto dalla seppur nota debolezza dei grillini alle amministrative, dove lo scontro destra-sinistra e la forte personalizzazione della sfida premia figure conosciute e “forti” (una sorta di “effetto Serracchiani”), né dalla poca mediaticità dei loro candidati, De Vito su tutti.

La protesta (o proposta) del M5S sembra cominciare a non convincere più chi li aveva votati alle politiche, specialmente quella fetta composta dagli ex astensionisti che ne avevano riempito i serbatoi lo scorso 24-25 febbraio, ma che le tante e seppur comprensibili incertezze dei “cittadini in Parlamento”, smarriti tra gaffes e dibattiti sterili su diarie e rimborsi, stanno convincendo a tornare al partito del non voto.

La crescita esponenziale dell’astensionismo non dovrebbe essere quindi sottovalutata dalla classe politica italiana (incluso il Movimento Cinque Stelle, che ora ne fa comunque parte), né bollata come fenomeno passeggero e occasionale dovuto al poco appeal delle amministrative. Il calo di fiducia e attaccamento nei confronti della politica e dei partiti da parte degli italiani è infatti un trend costante negli ultimi anni, a tutti i livelli di governo, e denota un disagio profondo che è stato solo in parte e superficialmente intercettato da Beppe Grillo e dal suo “tutti-a-casa”, ma che con grande facilità può tornare ad essere “apolide”, in cerca di nuovi futuri interpreti in grado di cavalcarne le istanze e gli umori (sempre più neri, visti i tempi); non a caso non c’è stato alcun “ritorno a casa” dei voti persi dai grillini, cioè nessun recupero di consensi e fiducia da parte dei partiti tradizionali (a Roma, ad esempio, il Pd ha preso la metà dei voti conquistati nel 2008, quando perse), il cui calo continua ad essere evidente e preoccupante.

foto elezioni comunali

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments