•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 2 agosto, 2013

articolo scritto da:

Condanna Berlusconi cambia lo scenario politico?

Berlusconi: tutti i commenti alla condanna.

Dopo la condanna del Cavaliere, come una mandria di cavalli pungolati da un ferro rovente, i politici si imbizzarriscono e le dichiarazioni dure, euforiche, sarcastiche, timorose e matte si susseguono una dopo l’altra.

Il Partito Democratico, sentendo un verdetto simile, non più di quattro mesi or sono avrebbe organizzato feste, manifestazioni e dimostrazioni di gioia e vittoria in tutto il Paese, ma i tempi sono cambiati ed ora i Democrat sono costretti a valutare il peso di ogni singola parola espressa ai microfoni.

Non è certo un caso se Letta e Epifani hanno ricalcato le parole del Presidente Napolitano, simbolo di imparzialità.

berlusconi con letta premier

Il premier ha ribadito il rispetto dovuto alla magistratura e, attraverso la frase “Per il bene del Paese è necessario far prevalere in tutti l’interesse dell’Italia rispetto agli interessi di parte” ha implicitamente mostrato un leggero timore riguardo alle conseguenze della condanna che potrebbero ricadere sul governo.

Epifani non si è mostrato ugualmente diplomatico e, ancor prima del videomessaggio di Berlusconi, ci ha tenuto a chiarire che la sentenza deve essere rispettata, eseguita ed applicata ed ha chiesto che anche il PDL rispetti una sentenza che deriva dai fatti e non dai pregiudizi.

berlusconi napolitano grazie

Mentre da un lato siede un PD impossibilitato a festeggiare, nella stessa ala delle Camere, c’è chi se lo può permettere.

Vendola, giusto per dimostrare ai più accorti che i calcoli li sa fare, richiama alla moralità il PD: “Credo sia necessario trarre delle conseguenze: non è possibile immaginare che il Pd permanga nella condizione di alleato del partito di Silvio Berlusconi e non è possibile immaginare che Berlusconi rimanga al centro della scena politica. Credo che grandi cambiamenti siano necessari per dare una risposta alla crisi morale del Paese”.

SEL ancora non stappa lo spumante per cercare, dunque, di mantenere una posizione seria e moderata nel caso in cui il PD dovesse tornare a bussare alla porta.

Non si fa attendere il post sul blog di Beppe Grillo che, lui si che è euforico, si slancia in paragoni storici leggermente azzardati: “Berlusconi è morto. Viva Berlusconi! La sua condanna è come la caduta del Muro di Berlino nel 1989. Il Muro divise la Germania per 28 anni. L’evasore conclamato, l’amico dei mafiosi, il piduista tessera 1816 ha inquinato, corrotto, paralizzato la politica italiana per 21 anni, dalla sua discesa in campo nel 1993 per evitare il fallimento e il carcere. Un muro d’Italia che ci ha separato dalla democrazia. Oggi questo muro, da tempo un simulacro, un’illusione ottica, tenuto in vita dagli effetti speciali dei giornali e della televisione, è caduto”.

berlusconi condannato

In questo post, degno della più sublime sceneggiatura dei fratelli Wachowski, Grillo dimostra di avere poca memoria: forse si scorda di essere lui stesso condannato per evasione fiscale ma il popolo italiano si è ormai abituato alle sue sparate.

Sulla stessa linea di Grillo, anche se in maniera meno teatrale, si schiera il deputato democratico Sandro Gozi che parla della fine di un’epoca e dell’inizio di un cammino nell’ignoto.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento